I FIORETTI DI DON BOSCO

B.F.

Valdocco fast food

Nei primi dieci anni, la casa di don Bosco era un alveare. Dopo la Messa, i giovani ospitati sciamavano verso i rispettivi padroni: sarti, calzolai, falegnami, legatori, muratori ecc.

A mezzogiorno tornavano a casa per il pranzo. Ognuno munito di scodella di terracotta, si accostava al pentolone che fumava sul focolare o sopra uno sgabello presso la porta. Mamma Margherita, Giuseppe Buzzetti e ogni tanto don Bosco, con il mestolo distribuivano la minestra. Questa consisteva solitamente in riso e patate, talora pasta e fagioli e, più sovente, castagne bianche cotte con la polenta, che era di gran lunga il piatto più gettonato. Nelle feste, sulla polenta si faceva passare (!) un pezzettino di salsiccia o di merluzzo.

«Tutto spirava la più schietta allegria in quella poverissima casa» ha scritto un testimone «e quando don Bosco, data la benedizione al cibo, augurava ai suoi figli il buon appetito, scoppiava una delle più gioviali risate, perché vedevano da sé di non aver bisogno di simile augurio».

La sala da pranzo era quanto mai raffinata: «Nelle belle giornate, dispersi qua e colà nel cortile, a gruppi di tre o quattro, alcuni soli, seduti quale sopra una trave, quale sopra un sasso o un ceppo d’albero, questi su di una panca, quelli sulla nuda terra, davano fondo a quel ben di Dio, che loro somministrava la industriosa carità di don Bosco».

Terminato il pranzo, ciascuno lavava la propria scodella.

Il vero tesoro di ognuno però era il cucchiaio. Perderlo significava ricomprarlo a proprie spese. Quasi tutti se lo mettevano in tasca.

Un certo Paolo Conti, durante una lezione a scuola, lasciò cadere a terra il preziosissimo cucchiaio. Tutta la classe scoppiò in un unanime: «Oh! un cucchiaio!» e tutti si misero a beffeggiare il buon giovane, il quale, come se portare il cucchiaio fosse la cosa più naturale ed ovvia del mondo, senza scomporsi rispose: «Oh! Volete che io venga a scuola senza cucchiaio?» e con tutta serietà lo rimise in tasca.

A cena, il menu non variava. Spesso dovevano condividere il cibo con le galline di Mamma Margherita che salivano audacemente sulla tavola. Guai a chi le toccava. I ragazzi dicevano che quelle galline erano inviolabili come i deputati al Parlamento.

Quanto al pane, invece di metterlo a tavola, don Bosco, ogni sera, distribuiva a ciascuno 25 centesimi affinché potessero comprarlo fresco giorno per giorno. «Nei suoi occhi» diceva don Felice Reviglio: «Egli soleva dirci “La Divina Provvidenza li dà a me, ed io li dò a voi”».

Don Bosco, con il grembiule e il cappello da cuoco, parlava con tutti, incoraggiava o raccontava storielle. Diceva il teologo Vola: «Sebbene gran parte di essi fossero poveri orfanelli nondimeno pareva a tutti di trovarsi tra le gioie della famiglia. Tanta era la bontà del padre adottivo!». 

LA STORIA

Questa storia si può leggere nelle Memorie Biografiche volume III, pagina 350 e seguenti.

Valdocco fast food
I fioretti di Don Bosco

Valdocco fast food

Fino a dare la vita
Il messaggio del Rettor Maggiore

Fino a dare la vita

Anche loro sono  figlie di don Bosco
Don Bosco nel Mondo

Anche loro sono figlie di don Bosco

10 regole per disinnescare i conflitti
Tempo dello Spirito

10 regole per disinnescare i conflitti

Don Ivo Coelho
Le Nostre Guide

Don Ivo Coelho

La tragedia nascosta dei migranti haitiani a Tijuana
In Prima Linea

La tragedia nascosta dei migranti haitiani a Tijuana

La casa Salesiana in Mužlja (Vojvodina, Serbia)
Le case di Don Bosco

La casa Salesiana in Mužlja (Vojvodina, Serbia)

Ciò che nessuno  può toglierti
FMA

Ciò che nessuno può toglierti

Giampietro Pettenon_dalle Missioni alla Sede Centrale
invitato

Giampietro Pettenon Dalle Missioni alla Sede Centrale

Don Enrico Pozzoli
La nostra Storia

Don Enrico Pozzoli

AUTOGRILL PER EDUCATORI –  Autorevole, non autoritario
Come Don Bosco

AUTOGRILL PER EDUCATORI - Autorevole, non autoritario

Trasformati dal viaggio
La linea d’ombra

Trasformati dal viaggio

Anime e cavalli di forza
La storia sconosciuta di Don Bosco

Anime e cavalli di forza

Il Santo del mese – Beato Zeffirino Namuncurà.
I nostri santi

Il Santo del mese - Beato Alberto Marvelli,

Padre Jan Med
Il loro ricordo è benedizione

Jan Med

SCOPRENDO DON BOSCO
Il Cruciverba

SCOPRENDO DON BOSCO

Il Bullo
La buonanotte

Il Bullo