BS Dicembre
2021

COME DON BOSCO

PINO PELLEGRINO

Natale!

La festa di Natale può sembrare una fiaba, ma è il ricordo di una realtà veramente accaduta in un momento storico preciso, in una terra precisa ben conosciuta,
della nascita di “Uno” che ha ricreato l’umanità: Gesù.

Gli animali lo sanno

Una volta gli animali fecero una riunione. La volpe chiese allo scoiattolo: «Che cos’è per te Natale?» Lo scoiattolo rispose: «Per me è un bell’albero con tante luci e tanti dolci da sgranocchiare appesi ai rami». La volpe continuò: «Per me naturalmente è un fragrante arrosto d’oca. Se non c’è un bell’arrosto d’oca non c’è Natale». L’orso l’interruppe: «Panettone! Per me Natale è un enorme profumato panettone!» La gazza intervenne: «Io direi gioielli sfavillanti e gingilli luccicanti. Il Natale è una cosa brillante!» Anche il bue volle dire la sua: «È lo spumante che fa il Natale! Me ne scolerei anche un paio di bottiglie». L’asino prese la parola con foga: «Bue, sei impazzito? È il Bambino Gesù la cosa più importante del Natale. Te lo sei dimenticato?» Vergognandosi, il bue abbassò la grossa testa e disse: «Ma questo gli uomini lo sanno?»

«Ho perso Gesù Bambino!»

Una mamma racconta: «Era il primo Natale in cui aveva contribuito a fare il presepio, e aveva capito più o meno che cosa significava. Aveva appena compiuto 2 anni e già parlava e si esprimeva come se avesse 12 anni.

Quando stavano partendo per la Messa della vigilia di Natale, voleva portare con sé il Bambino Gesù della mangiatoia, come un giocattolo. I genitori la lasciarono fare.

Ma quando scese dall’auto, forse mentre si districava dal suo sedile, fece cadere il Bambino Gesù in strada, sul marciapiede o in qualche angolo.

«Ho perso Gesù Bambino, mamma», disse con gli occhi pieni di lacrime. Non riuscirono mai a trovarlo e negli anni successivi misero nella mangiatoia la statuetta del Bambino presa da un’altra serie di statuine. Era più grande in proporzione alle statue di Maria e Giuseppe, e la mucca e l’asino sembravano un gattino e un cagnolino accanto a Lui.

Oggi, la mamma confida: «Ogni volta che facciamo il presepio, mi viene in mente il Piccolo Gesù perduto e il triste faccino della mia bambina. Non riesco a togliermi dalla mente il “Ho perso il Bambino Gesù”. E non voglio perderlo. Non voglio che si perda nei regali, nelle riunioni o nei pasti. Sono persa tra bollette, tasse scolastiche e bilanci, e non voglio. Non voglio perdermi in saluti, progetti o brindisi di fine anno. Non voglio perdermi nel lavoro, nella psicologia o nelle visite mediche. Non voglio nemmeno perderlo quando scrivo, quando leggo o quando cammino.

Voglio tenerlo d’occhio e non perderlo.

Ma mi rendo conto anche che se lo perdo anche se non voglio, Lui viene e mi trova. Ogni anno rinasce di nuovo, nel caso l’avessi perso. Riparte da zero, con tutta la sua innocenza, il suo cuore nuovo, la sua dolcezza e la sua pace. Mi trova comunque sono, smarrita, distratta o esausta, viene come un bambino per giocare con me, viene come un amico che mi vuol bene. Viene a stare con me pur sapendo che alla prima distrazione lo perderò di nuovo.

E anche se quest’anno l’ho perso più volte, sono felice, perché Lui sta arrivando, e mi trova sempre».

Festa luminosa

“Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce; su coloro che abitavano in una terra tenebrosa una luce rifulse… poiché un bambino è nato per noi!” (dal profeta Isaia, 9, 1.5).

Belle le città sfavillanti di luce nella Notte santa: allegri gli alberelli carichi di fiammelle che riscaldano le stanze delle nostre case e i balconi! Via tutte le ombre: Natale è un’esplosione di luce!

Questo è Natale!

Guai a smarrirlo! Senza Natale il mondo sarebbe infinitamente più povero e più triste. Lo stesso filosofo Lucio Lombardo Radice che, pure, si trovava su una sponda diversa da quella cristiana, diceva con convinzione: «L’umanità ha un estremo bisogno di avere giornate come quella del Natale».

Festa vibrante

Lo scrittore Luigi Santucci diceva che Natale “è più che un racconto: è una carezza, è un abbraccio, è un soccorso, è un cibo”. Natale è il sorriso di un bambino (di ogni bambino!) che non ha ancora dimenticato i prati del cielo! Ecco perché Natale mette in fibrillazione proprio loro, i bambini che conoscono più per sentimento che per ragionamento.

Festa squillante

I cieli si riempiono di angeli e di canti:” Vi annuncio una grande gioia: oggi vi è nato un salvatore!” (Lc. 2, 10). Non si può immaginare Natale senza i canti, senza le cornamuse. I palestinesi hanno un bellissimo detto: “Le notti sono mille, ma quella di Natale è una sola. Anche se il cielo è buio, muto, la cometa si vede e canta sempre”.

Festa impegnativa

Il poeta cileno Pablo Neruda ha un verso stupendo: “È per nascere che siamo nati”: è per costruirci fino all’ultima sera. Sì, è per fare il nostro Natale ogni giorno dal primo in cui siamo approdati sulla Terra, perché c’è qualcosa che è peggio di morire: è smettere di nascere, è restare sottosviluppati! Messaggio impegnativo di Natale!

Non perdiamo il presepio!

Il presepio evoca emozioni e gioie intense, risveglia il lato buono della nostra personalità, riconcilia la famiglia oggi sempre più disgregata.

Dobbiamo difenderlo, dobbiamo proteggerlo.    

Mi mancava una mamma

“La mia più bella invenzione, dice Dio,

è mia Madre.

Mi mancava una mamma e io l’ho fatta.

Ho fatto mia Madre prima che ella facesse me.

Ora sono veramente uomo come tutti gli uomini.

Non ho più nulla da invidiare loro perché ho una mamma.

Mi mancava.

Mia Madre si chiama Maria, dice Dio,

La sua anima è pura e piena di grazia.

Il suo corpo è vergine e pervaso da una

luce tale che sulla terra mai mi sono

stancato di guardarla, di ascoltarla, di ammirarla.

È bella mia Madre, tanto che, lasciando

gli splendori del Cielo, non mi sono

mai trovato perduto vicino a lei.

Eppure so bene – dice Dio – cosa sia l’essere

portato dagli angeli.

Beh, non vale le braccia di una mamma.

Credetemi!” (Michel Quoist).

Il Natale del 1842
I fioretti di Don Bosco

Il Natale del 1842

Lasciamoci sorprendere dal sorriso di Dio
Il messaggio del Rettor Maggiore

“Lasciamoci sorprendere dal sorriso di Dio”

Il cuore salesiano del Brasile
Don Bosco nel Mondo

Il cuore salesiano del Brasile

La vocazione non finisce mai
Tempo dello Spirito

La vocazione non finisce mai

MALTA L’isola prediletta da don Bosco
Senza Confini

MALTA L’isola prediletta da don Bosco

Innocenti nell’inferno
In Prima Linea

Innocenti nell’inferno

Macerata: Un laboratorio di futuro
Le case di Don Bosco

Macerata: Un laboratorio di futuro

Una madre Chiara
FMA

Una madre Chiara

Jean Paul  Salesiano in Burundi
invitato

Jean Paul Salesiano in Burundi

Carlo Gastini
La nostra Storia

Carlo Gastini

Natale!
Come Don Bosco

Natale!

Una rivoluzione chiamata gentilezza
La linea d’ombra

Una rivoluzione chiamata gentilezza

L’ultima lettera arrivata… appena in tempo
La storia sconosciuta di Don Bosco

L’ultima lettera arrivata… appena in tempo

Il Santo del mese – Beati Giuseppe Calasanz e Enrico Aparicio Saiz, e 93 Compagni, martiri.
I nostri santi

Il Santo del mese - Beati Giuseppe Calasanz e Enrico Aparicio Saiz, e 93 Compagni, martiri.

Don Giuseppe Nicolussi
Il loro ricordo è benedizione

Don Giuseppe Nicolussi

SCOPRENDO DON BOSCO
Il Cruciverba

SCOPRENDO DON BOSCO

La luce della lanterna
La buonanotte

La luce della lanterna