BS Luglio/Agosto
2022

I NOSTRI EROI

JOSÉ MIGUEL NÙÑEZ

Morire all’alba
Bartolomé Blanco,
la forza della vita

La forza eroica di un giovane di Cordoba, ex allievo salesiano impegnato nella difesa del lavoro e della fede cristiana. Martirizzato durante la guerra civile spagnola e dichiarato beato dalla Chiesa.

Bartolomé Blanco nacque a Pozoblanco (Cordoba) il 25 dicembre 1914. I suoi genitori, Ismael e Felisa, si erano sposati un anno prima. La sua nascita illuminò il Natale di quell’anno, segnato dalla guerra europea e dalla povertà, in una Spagna sull’orlo di una crisi economica, politica e sociale. Il mondo, come era stato conosciuto fino ad allora, sembrava cadere a pezzi.

L’infanzia di Bartolomé è stata segnata da povertà, dolore e perdita. Ismael e Felisa ebbero il loro secondo figlio nel marzo 1917, una bambina. L’hanno chiamata Baldomera. Una bronchite la portò via quando aveva 18 mesi, nel settembre 1918. Un mese e mezzo dopo, sua madre morì, all’età di 27 anni. Felisa non sopravvisse al virus dell’influenza e lasciò Bartolomé orfano prima dei 4 anni.

Non gli mancava l’amore di suo padre e dei suoi zii. Era la gioia della casa. Correva e si divertiva a giocare senza sosta. Presto iniziò ad andare a scuola: imparò a leggere e scrivere. Studiò il catechismo e, come tutti i bambini della sua età, fece la sua prima comunione nel 1923, nella parrocchia di Santa Catalina, per mano del parroco Antonio Maria Rodriguez Blanco. La Provvidenza volle che questo santo sacerdote, exallievo salesiano di Utrera e cooperatore salesiano, condividesse con Bartolomé lo stesso orizzonte di martirio, molti anni dopo.

Ma si sa che la sfortuna non arriva mai da sola. Suo padre, mezzadro nella campagna andalusa, si guadagnava da vivere coltivando il grano, scavando gli ulivi e curando le bestie per lavorare la terra. Uno sfortunato incidente mise fine alla sua vita. Un carro sovraccarico si rovesciò sulla strada, schiacciando Ismael, il 6 settembre 1926. Bartolomé non aveva ancora 12 anni e l’orfanità assoluta colpì la sua infanzia e segnò la sua vita per sempre.

Buona stoffa

Nonostante la possibilità di studiare, Bartolomé dovette lasciare la scuola. Dopo la morte di suo padre e l’arrivo della sua nuova famiglia, i suoi zii, la sua situazione finanziaria era precaria. All’età di 12 anni, come tanti bambini in quei tempi difficili, dovette andare a lavorare. Lavorava nel laboratorio dei suoi cugini, costruendo sedie. Il lavoro di “sillero” era per lui un costante richiamo alla dignità del lavoratore che, con umiltà, cerca di guadagnarsi da vivere.

Nel settembre 1930, la prima comunità salesiana si stabilì a Pozoblanco. C’erano 5 salesiani, con don Antonio do Muiño come direttore. Ben presto si seppe in paese che la casa di don Bosco era la casa dei giovani.

Scuola, oratorio e chiesa divennero punti di riferimento nella vita delle famiglie del villaggio. Bartolomé fu subito affascinato dai salesiani. Il suo spirito allegro e irrequieto si adattava allo stile dei figli di don Bosco. Prima come oratoriano e poi come catechista, ha frequentato la casa salesiana tra il 1930 e il 1935, ed è stato amato e apprezzato per il suo ingegno, l’impegno apostolico e le capacità di leadership. Era catechista, animatore dell’oratorio, coltivava il gruppo di fede con i suoi compagni per la loro formazione e spesso lo si vedeva recitare una commedia teatrale con quella scintilla cordobese che mostrava.

Accompagnato spiritualmente da don Antonio, Bartolomé imparò ad amare la Vergine Ausiliatrice e aumentò la sua devozione a Gesù Sacramentato. Respirò la gioia salesiana e amava mettere le sue capacità al servizio dei ragazzi nella catechesi o nell’oratorio. Esercitava una leadership naturale che lo portò ad essere il capitano di quei bambini che venivano ogni domenica all’oratorio e trovavano in Bartolomeo un leader accogliente, vivace e creativo. Lo stile salesiano, fatto di gioia, ottimismo e spirito di famiglia, ha trovato in Bartolomeo un terreno fertile per mettere radici. Ha capito che, nella casa di don Bosco, la santità consiste nell’essere sempre allegri.

La prima Olivetti

Don Antonio lo incoraggiò a partecipare ai “Circoli di studio”, gruppi di formazione e riflessione cristiana per i giovani, organizzati dallo stesso preside della scuola. Studiarono i Vangeli e approfondirono i testi, cercando di illuminare la propria vita per aiutare i giovani ad essere più impegnati verso gli altri. Fu così che Bartolomeo si coinvolse nell’Azione Cattolica a partire dalle proprie convinzioni.

Fu così che Bartolomeo si impegnò nell’Azione Cattolica, sulla base delle sue convinzioni cristiane, del suo impegno evangelico e del suo desiderio di una vita santa.

In quel periodo, iniziò un’importante attività letteraria. Don Antonio gli regalò una macchina da scrivere Olivetti, un privilegio! Molti dei suoi scritti sono ancora conservati, come dossier, discorsi, articoli… scritti sulla Olivetti di don Antonio.

L’ultima ora

Bartolomeo Blanco si impegnò nel sociale e nella politica e partecipò attivamente alle elezioni del 1933, nelle quali, per la prima volta, le donne votarono in elezioni libere. Fece un discorso decisivo a nome dell’Azione Cattolica all’età di 19 anni durante una manifestazione elettorale nel suo villaggio, alla presenza di notevoli personalità politiche dell’epoca.

I suoi compagni dissero di lui che era un giovane retto e coraggioso, con un’intelligenza insolita per uno della sua classe che non aveva avuto l’opportunità di studiare più delle quattro lettere. Era orgoglioso delle sue origini numeriche e usava il suo status di lavoratore come bandiera per difendere la sua posizione politica. Difensore della monarchia, dei diritti del popolo e della Chiesa, il suo status di cattolico lo portò ad adottare le tesi della Dottrina Sociale, con cui si sentiva identificato. Quella sera, 5 novembre, gli fu affidato il discorso di apertura e il compito di introdurre gli oratori. Alla fine del suo discorso, ci fu qualche secondo di silenzio, e la folla scoppiò in un applauso e si alzò in piedi.

Uno dei politici presenti si interessò a lui e gli procurò un’intervista a Madrid con una delle figure pubbliche più prestigiose del cattolicesimo in Spagna in quel momento, don Enrique Herrera Oria, avvocato spagnolo. Giornalista e politico, si dedicò alla causa della difesa dei lavoratori a partire dalla convinzione che la Chiesa potesse aiutare il cambiamento sociale.

Dopo l’intervista, Herrera Oria è rimasto impressionato dal suo potenziale. Gli offrì la possibilità di formarsi all’Istituto Sociale Operaio (iso), che Oria aveva fondato un anno prima, per formare lea­der cristiani che, sulla base della Dottrina Sociale della Chiesa, si impegnassero pubblicamente per la causa dei lavoratori e lavorassero per la giustizia sociale. Bartolomé si distinse per la sua intelligenza e capacità di leadership, la sua umiltà e la sua forza di volontà per superare gli ostacoli dei suoi studi.

Alla fine del corso, ottenne una borsa di studio dall’istituzione per un viaggio di studio in Europa dal 10 al 26 settembre 1935, per conoscere la realtà dell’azione sindacale cattolica nel continente. Parigi, Bruxelles, Anversa e Heerlen sono state alcune delle destinazioni visitate. Esperienze come queste hanno aperto gli orizzonti e incoraggiato l’impegno.

Al suo ritorno a casa, si impegnò ancora di più nel suo lavoro a capo dei sindacati dei lavoratori della provincia di Cordova. Con creatività, promosse nuovi progetti e venne coinvolto nell’organizzazione della formazione dei suoi colleghi. Non ha mai smesso di lavorare. Durante i suoi periodi a casa, è rimasto attaccato all’officina, con i suoi cugini, un lavoratore tra i lavoratori. Non ha perso la sua umiltà.

Le fauci del leone

All’inizio di ottobre 1935 a Cádiz, Bartolomé si arruola nel servizio militare. Il soldato Bartolomé Blanco continuò il suo servizio militare senza particolari turbamenti personali, ma era preoccupato per la direzione che le cose stavano prendendo.
I primi mesi del 1936 non furono di buon auspicio dal punto di vista politico e sociale. Tutto ebbe un’impennata dopo il risultato del primo turno delle elezioni del 16 febbraio, che portò un cambiamento nella politica nazionale e un cambio di scena in Parlamento.

Un’ondata di violenza travolse il paese. Una vera e propria persecuzione religiosa fu scatenata dall’odio per la fede. Bruciature di conventi, distruzione di immagini, assassinii di religiosi, sacerdoti e laici cattolici. Il terrore e la paura seminarono l’incertezza nel paese, che sprofondò in un conflitto di dimensioni straordinarie e dalle conseguenze imprevedibili.

Lo scoppio della guerra civile sorprese Bartolomé mentre era in licenza nel suo villaggio. Lì fu denunciato come leader sindacale cattolico e difensore della causa dei lavoratori. Fu arrestato e, dopo alcuni giorni nella prigione di Pozoblanco, fu trasferito a Jaén, dove fu giustiziato dopo un processo iniquo e sommario, con l’accusa di non aver rinunciato alla sua fede.

Vide la morte arrivare con una serenità piena di maturità. Giorni prima del suo assassinio disse addio alla sua fidanzata, scrivendo dalla prigione con una lucidità sconvolgente: “Cara Maruja, come ti ho amato, ti amerò fino al momento della morte. Dio mi chiama; Dio mi chiama al suo fianco, e a Lui vado sulla via del sacrificio. Non incolpate nessuno della mia morte; perdonate in nome di Dio come Lui ha perdonato e anch’io perdono (…) Fino all’eternità. Il tuo Bartolomé».

E alla sua famiglia, la notte prima della sua morte per fucilazione: “Questo è il mio ultimo desiderio: perdono, perdono e perdono (…) Vi sia di conforto sapere che la mia serenità, nelle mie ultime ore, è assoluta per la mia fiducia in Dio”.

Sappiamo che Bartolomé chiese di essere fucilato a piedi nudi e con gli occhi scoperti. Al momento dell’esecuzione, secondo i testimoni, gridò: “Viva Cristo!»

Voleva assomigliare al suo Signore, nudo sulla croce e fiducioso nella misericordia del Padre.

Era l’alba del 2 ottobre 1936.    

In principio c’era un prato
I fioretti di Don Bosco

In principio c’era un prato

Lo tsunami della speranza
Il messaggio del Rettor Maggiore

Lo tsunami della speranza

Colombia Una vita nuova grazie a don Bosco
Don Bosco nel Mondo

Colombia Una vita nuova grazie a don Bosco

La piena consapevolezza
Tempo dello Spirito

La piena consapevolezza

Don Michael Biju
invitato

Don Michael Biju

IME comunicazione
Avanguardie

IME comunicazione

Nella perla nascosta del corno d’Africa<br>I Salesiani in Eritrea
In Prima Linea

Nella perla nascosta del corno d’Africa I Salesiani in Eritrea

Coop Don Bosco
La Famiglia Salesiana

Coop Don Bosco

Morire all’alba Bartolomé Blanco, la forza della vita
I nostri eroi

Morire all’alba Bartolomé Blanco, la forza della vita

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 7 –  La sindrome del pappagallo
Come Don Bosco

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 7 - La sindrome del pappagallo

Cerco un centro di gravità permanente
La linea d’ombra

Cerco un centro di gravità permanente

Erano undici<br>(più Maria Ausiliatrice)
La storia sconosciuta di Don Bosco

Erano undici (più Maria Ausiliatrice)

L’ISTITUTO FMA NEL MONDO
FMA

L’ISTITUTO FMA NEL MONDO

Il Santo del mese – Il Servo di Dio Carlo Golda
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Servo di Dio Carlo Golda

Padre Mario Pani Mulas
Il loro ricordo è benedizione

Padre Mario Pani Mulas

SCOPRENDO DON BOSCO
Il crucipuzzle

SCOPRENDO DON BOSCO

La moneta magica
La buonanotte

La moneta magica