BS Giugno
2024

La Buonanotte

B.F. Disegno di Fabrizio Zubani

Lo SPAVENTAPASSERI

Una volta un cardellino fu ferito a un’ala da un cacciatore. Per qualche tempo riuscì a sopravvivere con quello che trovava per terra. Poi, terribile e gelido, arrivò l’inverno.

Un freddo mattino, cercando qualcosa da mettere nel becco, il cardellino si posò su uno spaventapasseri. Era uno spaventapasseri molto distinto, grande amico di gazze, cornacchie e volatili vari.

Aveva il corpo di paglia infagottato in un vecchio abito da cerimonia; la testa era una grossa zucca arancione; i denti erano fatti con granelli di mais; per naso aveva una carota e due noci per occhi.

«Che ti capita, cardellino?», chiese lo spaventapasseri, gentile come sempre.

«Va male – sospirò il cardellino. – Il freddo mi sta uccidendo e non ho un rifugio. Per non parlare del cibo. Penso che non rivedrò la primavera».

«Non aver paura. Rifugiati qui sotto la giacca. La mia paglia è asciutta e calda».

Così il cardellino trovò una casa nel cuore di paglia dello spaventapasseri. Restava il problema del cibo. Era sempre più difficile per il cardellino trovare bacche o semi. Un giorno in cui tutto rabbrividiva sotto il velo gelido della brina, lo spaventapasseri disse dolcemente al cardellino:

«Cardellino, mangia i miei denti: sono ottimi granelli di mais».

«Ma tu resterai senza bocca».

«Sembrerò molto più saggio».

Lo spaventapasseri rimase senza bocca, ma era contento che il suo piccolo amico vivesse. E gli sorrideva con gli occhi di noce. Dopo qualche giorno fu la volta del naso di carota.

«Mangialo. È ricco di vitamine», diceva lo spaventapasseri al cardellino.

Toccò poi alle noci che servivano da occhi. «Mi basteranno i tuoi racconti», diceva lui.

Infine lo spaventapasseri offrì al cardellino anche la zucca che gli faceva da testa.

Quando arrivò la primavera, lo spaventapasseri non c’era più. Ma il cardellino era vivo e spiccò il volo nel cielo azzurro.    

«Mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: Prendete e mangiate; questo è il mio corpo»

(Matteo 26,26)

doc01520720240502133624_001
I fioretti di Don Bosco

Il grande maestro DOGLIANI

04_IMG_0284
Il messaggio del Rettor Maggiore

Quando un educatore TOCCA IL CUORE dei suoi figli

07_Narges Amir Mariachiara
Don Bosco nel Mondo

A BRACCIA aperte

Padua,,Italy,-,September,8,,2014:,The,Heart,Of,Jesus
Tempo dello Spirito

La DOMANDA

16_MariapolisIMG_2712
invitato

UCRAINA Irrigata da sangue e lacrime

18_ZG - Mia foto
I nostri autori

Don Giorgio Zevini IL MIO AMICO GESÙ

riproduzione 70mm
Storia di Don Bosco per i più piccoli

Un RAGAZZO e il suo SOGNO

26_photo_2021-12-28_16-56-22
FMA

ODESSA Ama chi resta

28_434771047_941031941359648_207105150422745762_n
I Fondatori

Don Carlo DELLA TORRE

31_TopBianco
Arte salesiana

Il SOGNO di marmo

32_1-1932 dFranch inaug banda
Memorie

Novant’anni di musica a SAN DONÀ DI PIAVE

34_shutterstock_778558066
Come Don Bosco

I verbi dell'educazione 7 - DARE SICUREZZA

Group,Of,Teenage,Friends,Playing,Volleyball,On,Beach
La linea d’ombra

Tempo di leggerezza, ovvero l’arte di svuotare

39_Immagine67378
La storia sconosciuta di Don Bosco

Un “INSIGNE BENEFATTORE” da non dimenticare

Roma1004><S.HILA
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Beato Giuseppe Kowalski

41_Immagine67760
Il loro ricordo è benedizione

Monsignor Alois Kothgasser

42_RELAX giugno 2024 Schema
Il crucipuzzle

Scoprendo Don Bosco

Screenshot
La buonanotte

Lo SPAVENTAPASSERI