BS Maggio
2022

LA LINEA D'OMBRA

ALESSANDRA MASTRODONATO

L’incertezza del possibile

Al circolo dei cuori solitari un cartello avvisa “qui potete scegliere l’amore”. Possibili scenari si contendono le nostre vite, prima che le teste siano vuote…

In un momento storico come quello attuale, in cui persino il presente appare geneticamente incerto e sfuggente, risulta particolarmente complicato riuscire a decifrare quali saranno gli scenari futuri verso cui si dirigono le nostre vite. Tanto l’esistenza individuale di ciascuno di noi quanto, più in generale, i destini globali dell’umanità sembrano scossi da cambiamenti così repentini e da collisioni così imprevedibili da lasciarci del tutto atterriti e disorientati, spettatori inermi dell’incomprensibile fluire della Storia che, come una centrifuga impazzita, ci scaraventa sempre più lontano dal sentiero familiare lungo il quale ci eravamo incamminati.

Orfani di ogni solida certezza, naufraghi impauriti nel bel mezzo della tempesta, facciamo fatica a dare un senso a tutto quello che ci esplode intorno e ad intercettare, nel buio impenetrabile della notte, una stella polare che ci indichi la rotta da seguire. Ci sentiamo persi nel constatare che la realtà ci sfugge di mano, che non siamo noi a tenere saldamente il timone della nostra nave, che ogni nostro progetto o previsione rischia di arenarsi tra gli urti della vita. E, nell’incapacità di fare i conti con l’inevitabile imponderabilità del domani, restiamo aggrappati a quel piccolo angolo di mondo in cui ci sentiamo sicuri, nella labile speranza di poter conservare quanto meno quei pochi punti fermi che abbiamo faticosamente costruito nel presente.

È in questa condizione esistenziale che molti giovani adulti si confrontano oggi con l’incertezza del futuro. Più disincantati degli adolescenti e più inquieti delle generazioni precedenti, ci assale la sgradevole impressione di non avere scelta, di essere trascinati dagli eventi verso un destino ineluttabile che solo in minima parte dipende da noi e dalle nostre decisioni autonome.

Ma se è vero che in questa quotidianità precaria che ci consegna il presente siamo tentati di rinunciare in partenza a progetti troppo impegnativi e a lunga scadenza, è proprio di fronte allo sgretolarsi di ogni certezza precostituita che ci è data la possibilità di metterci in gioco fino in fondo con tutte le nostre paure e le nostre risorse inespresse per provare a reinventare il futuro e a costruire un mondo più a misura dei nostri bisogni.

Se siamo capaci di uscire da ogni visione deterministica e cristallizzata e di scrollarci di dosso quella coltre pesante di fatalismo che spesso soffoca le nostre aspirazioni più profonde, possiamo aprirci a una molteplicità di scenari e soluzioni inediti in cui ritrovare il senso autentico del futuro, con le sue inevitabili incertezze, ma anche con la sua capacità di sorprenderci e dispiegarci opportunità inattese. Soprattutto, possiamo riscoprire, pur nell’imprevedibilità dell’esistenza, il conforto di trovare in chi ci sta accanto il nostro porto sicuro, sperimentando la più semplice, ma nel contempo la più straordinaria delle felicità: quella che scaturisce dal riconoscere negli occhi dell’Altro le nostre stesse speranze e paure e dal provare a vincere insieme le seconde con le prime, condividendo il sogno di un domani migliore.

Possibili scenari si contendono le nostre vite,

mentre noi le stiamo lì a guardare.

È chiaro che, all’origine del mondo,

chi progettò la ruota in fondo ci sapeva fare.

Ma in prospettiva il tempo che è passato

ci mortifica perché l’uomo non viaggia in astronave;

dalle ultime ricerche di mercato

si evince che la gioia è ancora tutta da inventare…

La via della saggezza per gli indiani

è fatta di molteplici visioni di coyote;

il mio spirito guida non ha molto da insegnare,

si affida più alle stelle che al peyote.

Al circolo dei cuori solitari

un cartello avvisa “qui potete scegliere l’amore”.

Possibili scenari si contendono le nostre vite,

prima che le teste siano vuote…

E poi succede che ci sentiamo bene

senza nessun perché!

E poi succede che stiamo bene insieme

senza nessun perché!

A quanto pare non c’è una ricompensa

se ognuno fa quello che vuole,

ho come l’impressione che tutto si confonda

e non abbiamo scelta…

Facciamo come fa il Giappone,

ho avuto una visione,

ho avuto una visione!

A quanto pare è qui che poi mi sono perso,

sei tu la mia canzone, fermo al primo verso…

Ci sono cose nelle nostre vite che

possibili scenari si contendono,

possibili scenari si contendono…

E poi succede che ci sentiamo bene

Senza nessun perché!

E poi succede che stiamo bene insieme

senza nessun perché…

(Cesare Cremonini, Possibili scenari, 2017)

Nascita di un titolo
I fioretti di Don Bosco

Nascita di un titolo

SANTO Il buon samaritano SDB
Il messaggio del Rettor Maggiore

SANTO Il buon samaritano SDB

Santo Artemide Zatti Un angelo si fece infermiere
I nostri santi

Santo Artemide Zatti Un angelo si fece infermiere

«Come ho scoperto Maria»
Tempo dello Spirito

«Come ho scoperto Maria»

Don Michele Viviano Il “Rettore” di Maria Ausiliatrice
invitato

Don Michele Viviano Il “Rettore” di Maria Ausiliatrice

Il Don Bosco di Napoli L’oratorio dei mille mestieri
Le case di Don Bosco

Il Don Bosco di Napoli L’oratorio dei mille mestieri

Piero Ramello Un salesiano in Pakistan
In Prima Linea

Piero Ramello Un salesiano in Pakistan

Donne della prima ora
FMA

Donne della prima ora

Una fede “plastica”
Cooperatori

Una fede “plastica”

Ecuador “Sogno di essere un salesiano felice tra le persone”
Salesiani

Ecuador “Sogno di essere un salesiano felice tra le persone”

Un miracolo chiamato oratorio
Don Bosco nel Mondo

Un miracolo chiamato oratorio

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 5 – L’educazione bonsai
Come Don Bosco

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 5 - L’educazione bonsai

L’incertezza del possibile
La linea d’ombra

L’incertezza del possibile

Quando si dice la fortuna…
La storia sconosciuta di Don Bosco

Quando si dice la fortuna…

Il Santo del mese – La serva di Dio Anna Maria Lozano
I nostri santi

Il Santo del mese - La serva di Dio Anna Maria Lozano

Don Silvio Carlin
Il loro ricordo è benedizione

Don Silvio Carlin

SCOPRENDO DON BOSCO
Il Cruciverba

SCOPRENDO DON BOSCO

Il rito Cherokee
La buonanotte

La bilancia