La Buonanotte

B.F. Disegno di Fabrizio Zubani

L’asino del convento

La storia è accaduta da qualche parte in Medio Oriente. Una comunità di sorelle religiose molto giovani viveva davvero il voto di povertà. L’orto del convento ben curato produceva tutto ciò di cui avevano bisogno. Permetteva loro di nutrirsi in modo sobrio ma sufficiente e di provvedere a tutte le altre spese indispensabili. Andavano in città a vendere fagioli, pomodori, cipolle, patate, insalate, peperoni sul mercato cittadino.
Essendo troppo povere per avere un veicolo, portavano le ceste a piedi e il monastero era piuttosto lontano dalla città.
Un giorno, pensarono che sarebbe stato bello avere un asino per il trasporto. Per ottenerlo, decisero di fare una novena a San Giuseppe.
Per farglielo capire, la sorella più artistica del convento disegnò un asinello e attaccò il disegno ai piedi della statua di San Giuseppe nella cappella.
Ogni mattina e ogni sera per nove giorni, alla fine degli uffici di Lodi e di Vespri, aggiungevano una piccola preghiera: “San Giuseppe, tu sei stato attento alle necessità della tua Famiglia di Nazareth, vedi la nostra difficoltà e procuraci un asino che ci aiuti a portare la verdura al mercato».
Il nono giorno, al mattino, il campanello alla porta del convento tintinnò. La sorella portinaia aprì e si trovò davanti il contadino di una fattoria vicina.
Il contadino teneva in mano una corda e all’estremità della corda c’era un bell’asino grigio dallo sguardo mite e paziente.
«Se lo volete, sorelle, e se ne avete bisogno, ve lo regalo» disse il contadino.
La suora non credeva ai suoi occhi e alle sue orecchie. Lo ringraziò calorosamente. «Però» continuò il generoso vicino «questo asino ha un difetto: gli manca la coda. È nato così. Non è molto estetico. Ma questo non gli impedisce di essere docile e forte».
Naturalmente la suora si affrettò a dire che lei e la sua comunità non vedevano alcun danno in quel leggero handicap, e che accettavano l’asino come “novizio” del convento.
Ci fu un’esplosione di gioia e di stupore per la risposta di San Giuseppe. «Grazie, san Giuseppe. Il tuo dono sarà trattato con grande rispetto!»
I giorni passavano. L’asino si rivelava molto docile e molto coraggioso e anche molto felice della sua famiglia adottiva.
Una mattina, la sorella artista si accorse improvvisamente di non aver tolto il foglietto che aveva messo ai piedi della statua di San Giuseppe all’inizio della novena. Quel piccolo promemoria era ormai inutile.
Quando dispiegò il foglio per ricordare il disegno che aveva fatto tre settimane prima, fu presa da un sussulto di commozione.
Perché nella fretta si era dimenticata di disegnare una coda all’asino…   
<<In quel giorno le sorelle impararono che il Signore
non manca né d’attenzione,
né d’umorismo.>>
Un amico è per sempre
I fioretti di Don Bosco

Un amico è per sempre

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie
Il messaggio del Rettor Maggiore

Quel cuore umano capace di azioni straordinarie

Madagascar Sulle strade di Fianarantsoa
Don Bosco nel Mondo

Madagascar Sulle strade di Fianarantsoa

I dieci doni di  san Giuseppe
Tempo dello Spirito

I dieci doni di san Giuseppe

Don Bosco nella porta dell’India
Salesiani

Don Bosco nella porta dell’India

Suor Maria Pia Giudici
FMA

Suor Maria Pia Giudici

Mio papà, il signor Tommaso
invitato

Mio papà, il signor Tommaso

Bulgaria Rose, yogurt e don Bosco
In Prima Linea

Bulgaria Rose, yogurt e don Bosco

Alcamo una città fiorente
Le case di Don Bosco

Alcamo una città fiorente

Il fratello di Domenico Savio
Memorie Salesiane

Il fratello di Domenico Savio

AUTOGRILL PER EDUCATORI Se sento, dimentico. Se vedo, ricordo
Come Don Bosco

AUTOGRILL PER EDUCATORI Se sento, dimentico. Se vedo, ricordo

Ripartire dai desideri
La linea d’ombra

Ripartire dai desideri

Don Bosco… e le zie provvidenziali
La storia sconosciuta di Don Bosco

Don Bosco... e le zie provvidenziali

Il Santo del mese – Il Servo di Dio monsignor Giuseppe Cognata
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Servo di Dio monsignor Giuseppe Cognata

Don Vincenzo Marrone
Il loro ricordo è benedizione

Don Vincenzo Marrone

SCOPRENDO DON BOSCO
Il Cruciverba

SCOPRENDO DON BOSCO

L’asino del convento
La buonanotte

L’asino del convento