BS Settembre
2022

In Prima Linea

O. PORI MECOI

«La mia missione, dall’India all’Africa» Don George Chalissery

La magnifica avventura di un salesiano sulle piste di Gesù nel cuore del continente africano.

Puoi presentarti?

Sono don George Chalissery. Sono nato in un piccolissimo villaggio chiamato Edathuruthy, nello Stato del Kerala, in India. Eravamo sei figli: un fratello, quattro sorelle e io. Una delle mie sorelle è morta prima che io nascessi. Entrambi i miei genitori erano insegnanti in diverse scuole elementari. Non c’era la scuola materna e fin dall’età di tre anni ho dovuto frequentare le classi in cui insegnava mia madre. A casa si pensava che fossi troppo dispettoso. Disturbavo spesso mia nonna. Quando sono stato formalmente iscritto a scuola nella I classe, all’età di cinque anni, non ho studiato molto perché avevo già sentito tutto per due anni, dato che ero seduto nelle classi dove insegnava mia madre. Nella V classe sono stato iscritto alla scuola dove insegnava mio padre. Era stato il direttore di questa scuola elementare gestita dalla Chiesa. Non ero un chierichetto e andavo a Messa il sabato e la domenica, e alcuni giorni feriali durante le vacanze. Non credo di aver avuto un forte desiderio di diventare sacerdote o religioso.

Ogni sera, dopo aver acceso le lampade a cherosene verso le 18.30, noi bambini finivamo di studiare o di fare i lavori di casa. La mamma era in cucina a preparare la cena. Quando era pronta, ogni giorno facevamo la preghiera in famiglia, che durava circa 40 minuti. Recitavamo il rosario, le litanie del Sacro Cuore e della Madonna. Si pregava per varie intenzioni e per le anime defunte. Mia mamma mi ha insegnato l’Ave Maria e il Memorare. Una volta entrato nei Salesiani, ogni sera c’era una preghiera per la mia perseveranza.

Com’è nata la tua vocazione?

Appartengo al rito siro-malabarico. La nostra tradizione vuole che san Tommaso sia venuto a predicare il Vangelo nel Kerala, per poi spostarsi sulla costa orientale dell’India e subire il martirio a Mylapore, vicino a Chennai. Il Kerala ha la più grande popolazione cattolica dell’India. Qui ci sono state molte vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa.

Mentre studiavo nella VI classe, un sacerdote salesiano, don Philip Thayil, venne nella nostra scuola e riunì tutti i ragazzi cattolici e ci parlò di una scuola Don Bosco, a Ernakulam, dove c’erano molte possibilità di giocare e anche di studiare. Subito gli dissi che volevo andare alla scuola Don Bosco, perché volevo giocare molto. Non avevo un grande desiderio di essere un sacerdote o un religioso. Tuttavia, ogni tanto con una delle mie sorelle imitavamo il sacerdote che celebrava l’Eucaristia. Tutto era in una lingua chiamata siriaco. Nessuno di noi capiva le preghiere dell’Eucaristia. A volte dicevo a mia madre che volevo essere un sacerdote per poter bere il vino dal calice.

Quali sono stati i tuoi incarichi fino ad oggi?

Nel maggio 1969 sono entrato nel Noviziato. Ho frequentato un corso di laurea in Chimica con Fisica e Matematica. Alla fine il Provinciale decise che dovevo andare a Maynooth in Irlanda per gli studi di teologia. Nella Casa salesiana di Maynooth c’erano studenti di filosofia e teologia e alcuni confratelli anziani che stavano svolgendo un programma di formazione permanente. C’erano diversi confratelli provenienti dal Sudafrica, che è stato unito all’Ispettoria irlandese. Parlare con i salesiani africani ha lentamente suscitato in me una grande simpatia per il lavoro in Africa. Nel 1980 fui ordinato diacono. Il mio provinciale mi permise di andare all’Università Gregoriana, a Roma, per conseguire la licenza in teologia.

Nel febbraio 1988, mio fratello morì in seguito a un grave attacco cardiaco, dopo essere stato ricoverato in ospedale per oltre un mese. È stato un periodo molto difficile per me, perché a volte prendevo l’autobus notturno da Bangalore per stare con mio fratello uno o due giorni e poi tornavo al mio dovere di insegnante. Nel teologato si svolgeva quasi ogni anno un breve programma di orientamento per i nuovi missionari che andavano in Africa orientale. Il nostro ex provinciale della Provincia di Bangalore, padre Thomas Thayil, fu nominato delegato per l’Africa orientale, una volta terminato il suo mandato come provinciale a Bangalore. Durante le sue visite in India, parlava della necessità di avere più salesiani per l’Africa. Così il desiderio di lavorare in Africa era lentamente riapparso nel mio cuore.

Nel giugno 1980 partii per Nairobi, in Kenya. Nel 1993 mi è stato chiesto di andare nel nostro centro di Iringa, in Tanzania, come rettore e parroco.

Ma dopo meno di un anno mi è stato chiesto di tornare a Nairobi per essere rettore del Teologato e anche consigliere provinciale. Nel luglio 1999, don Juan Vecchi mi chiese di assumere la guida della Provincia dell’Africa orientale. La nostra Provincia comprendeva 4 Paesi: Sudan, Uganda, Kenya e Tanzania. Non era facile visitare le comunità perché bisognava percorrere lunghe distanze. Non era nemmeno facile ottenere un visto per il Sudan. Abbiamo iniziato la nostra presenza nel Sudan meridionale nel 1980. Ma quando è iniziata la guerra civile e il nostro confratello, padre James Pulickal, è stato rapito dall’spla (Sudan Peoples Liberation Army), abbiamo chiuso le nostre presenze in Sudan, tranne una comunità a Wau, nel Sud Sudan. Don James fu infine rilasciato nel 1988, dopo 18 mesi, dopo essersi trasferito con l’spla e aver percorso più di mille chilometri a piedi, con i soli vestiti che indossava, con un solo pasto al giorno e dormendo spesso all’aperto. Dopo 10 anni, padre James è tornato per riaprire questa missione e ora abbiamo una comunità fiorente.

Nel dicembre 2010, mi è stato chiesto di andare in Zambia per assumere la responsabilità di Superiore della Vice-Provincia zmb.

Nel gennaio 2017, una volta terminato il mio mandato, mi è stato chiesto dal Rettor Maggiore di andare nella comunità di Maria Ausiliatrice, a Valdocco, Torino, come Vice Rettore della Basilica di Maria Ausiliatrice per 3 anni.

Qual è il tuo attuale incarico?

Nel settembre 2021 sono stato assegnato alla comunità di post-noviziato di Lusaka, in Zambia. Il Provinciale mi ha chiesto di essere il Vice Rettore della comunità. Si tratta di una comunità di post-noviziato interprovinciale. I nostri studenti frequentano un centro di studi francescani nelle vicinanze, affiliato all’Università Antonianum di Roma.

Quali sono i risultati più belli della tua Provincia?

In Africa orientale siamo riusciti a realizzare tutte le tappe della formazione, a partire dal Pre-noviziato, Noviziato, Post-noviziato e Teologia. Per due anni abbiamo avuto anche un centro per la formazione permanente dei nostri Fratelli Coadiutori. I missionari che sono venuti all’inizio hanno lavorato molto duramente, devo dire. E così, nel giro di pochi anni, siamo stati in grado di avviare presenze, con una varietà di ministeri, che vanno dalle scuole secondarie e tecniche, alle parrocchie, al lavoro per i giovani a rischio, ai centri giovanili, all’assistenza ai rifugiati e al riavvio delle nostre presenze nel Sud Sudan devastato dalla guerra. Abbiamo una parrocchia e 3 scuole tecniche nel campo profughi di Kakuma, nel Kenya nord-occidentale. Abbiamo un centro di servizi educativi per i giovani a Nairobi e, in collaborazione con le fma, siamo riusciti a creare un istituto di pastorale giovanile presso il Tangaza College. In Tanzania gestiamo anche un centro per la formazione dei catechisti. Nella Casa Provinciale di Nairobi, abbiamo un Santuario dedicato a Maria Ausiliatrice che attira centinaia di persone soprattutto per l’Eucaristia domenicale e stiamo progettando di farne un Centro di devozione mariana. Abbiamo anche un discreto numero di vocazioni dai nostri 4 Paesi.

In Zambia, abbiamo un aumento delle vocazioni dai nostri 4 Paesi e c’è anche una maggiore sensibilità a discernere la propria vocazione missionaria soprattutto tra i giovani confratelli. Abbiamo già 4 giovani confratelli in missione ad gentes che ora si trovano in Sud Sudan, Albania, Siria e Brasile. Quest’anno abbiamo 14 confratelli in Noviziato. C’è anche una grande sensibilità nel prendersi cura dei giovani delle periferie. Da un ministero orientato alla parrocchia, ci siamo concentrati anche su ministeri più orientati all’educazione. C’è un senso di appartenenza alla Provincia. Il nostro ministero è apprezzato dai vescovi e dalla gente e abbiamo diverse richieste di iniziare presenze nelle differenti diocesi dei nostri 4 Paesi.

Come vedi il futuro dei Salesiani in Zambia?

Abbiamo un futuro molto luminoso davanti a noi, dato che stiamo avendo un buon numero di giovani che si uniscono a noi. Il futuro sembra decisamente roseo. Dobbiamo solo lavorare duramente per trasmettere lo spirito e il carisma di don Bosco ai giovani confratelli. Già molti confratelli locali occupano posizioni di autorità e questo indica che ci stiamo muovendo nella giusta direzione. Ci sono molte opportunità per aiutare i giovani nei nostri 4 Paesi e diversi vescovi ci stanno invitando ad avviare presenze nelle loro diocesi, perché ci considerano la chiave per lavorare con i giovani. Don Bosco ha catturato il cuore della gente d’Africa. C’è un raccolto abbondante che ci aspetta. Stiamo anche incoraggiando i confratelli che discernono la loro vocazione missionaria.  

Due denti per la Madonna
I fioretti di Don Bosco

Due denti per la Madonna

Stefano Sándor è tornato a casa
Il messaggio del Rettor Maggiore

Stefano Sándor è tornato a casa

Beato Istvàn Sándor
I nostri eroi

Beato Istvàn Sándor

La detective dei Santi. Intervista alla Dott.sa Lodovica Maria Zanet
invitato

La detective dei Santi. Intervista alla Dott.sa Lodovica Maria Zanet

Gratitudine. L’eroico segreto della felicità
Tempo dello Spirito

Gratitudine. L’eroico segreto della felicità

Don Bosco a Pordenone
Le case di Don Bosco

Don Bosco a Pordenone

«La mia missione, dall’India all’Africa»<br>Don George Chalissery
In Prima Linea

«La mia missione, dall’India all’Africa» Don George Chalissery

Fuori dagli stereotipi<br>Ziano Val di Fiemme
FMA

Fuori dagli stereotipi Ziano Val di Fiemme

Mettiamo in circolo accoglienza e futuro
La nostra famiglia

Mettiamo in circolo accoglienza e futuro

Pane o cannoni?
Don Bosco nel Mondo

Pane o cannoni?

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 8 – La sindrome del retrovisore
Come Don Bosco

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 8 - La sindrome del retrovisore

I giorni dello smarrimento
La linea d’ombra

I giorni dello smarrimento

Le lotterie: autentiche imprese
La storia sconosciuta di Don Bosco

Le lotterie: autentiche imprese

Il Santo del mese – Il Servo di Dio Francesco Miska, salesiano sacerdote
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Servo di Dio Francesco Miska, salesiano sacerdote

Don Giulivo Torri
Il loro ricordo è benedizione

Don Giulivo Torri

Una gita da sogno
Una gita da sogno

Una gita da sogno

Dio nel pozzo
La buonanotte

Dio nel pozzo