BS Settembre
2023

La Buonanotte

B.F. Disegno di Fabrizio Zubani

La grotta azzurra

Era un uomo povero e semplice. La sera, dopo una giornata di duro lavoro, rientrava in casa spossato e pieno di malumore. Guardava con astio la gente che passava in automobile o quelli seduti ai tavolini dei bar.

«Quelli sì che stanno bene», brontolava l’uomo, pigiato nel tram, come un grappolo d’uva nel torchio. «Non sanno che cosa vuol dire tribolare… Tutto rose e fiori, per loro. Avessero la mia croce da portare!».

Il Signore aveva sempre ascoltato con molta pazienza i lamenti dell’uomo. E, una sera, lo aspettò sulla porta di casa.

«Ah, sei tu, Signore?», disse l’uomo, quando lo vide. «Non provare a rabbonirmi. Lo sai bene quant’è pesante la croce che mi hai imposto». L’uomo era più imbronciato che mai.

Il Signore gli sorrise bonariamente. «Vieni con me. Ti darò la possibilità di fare un’altra scelta», disse.

L’uomo si trovò all’improvviso dentro una enorme grotta azzurra. L’architettura era divina. Ed era piena di croci: piccole, grandi, tempestate di gemme, lisce, contorte.

«Sono le croci degli uomini», disse il Signore. «Scegline una». L’uomo buttò con la malagrazia la sua croce in un angolo e, fregandosi le mani, cominciò la cernita.

Provò una croce leggerina, ma era lunga e ingombrante. Si mise al collo una croce da vescovo, ma era incredibilmente pesante di responsabilità e di sacrificio. Un’altra, liscia e graziosa in apparenza, appena fu sulle spalle dell’uomo cominciò a pungere come se fosse piena di chiodi. Afferrò una croce d’argento, che mandava bagliori, ma si sentì invadere da una straziante sensazione di solitudine e di abbandono. La posò subito. Provò e riprovò, ma ogni croce aveva qualche difetto.

Finalmente, in un angolo semibuio, scovò una piccola croce, un po’ logorata dall’uso. Non era troppo pesante, né troppo ingombrante. Sembrava fatta apposta per lui. L’uomo se la mise sulle spalle con aria trionfante. «Prendo questa!», esclamò. Ed uscì dalla grotta.

Il Signore gli rivolse il suo sguardo dolce dolce. E in quell’istante l’uomo si accorse che aveva ripreso proprio la sua vecchia croce: quella che aveva buttato via entrando nella grotta. E che portava da tutta la vita.  

DB LADRO
I fioretti di Don Bosco

Al ladro! Al ladro!

5_033
Il messaggio del Rettor Maggiore

Figli di famiglia

6_The author in a mountain hiking with students 2jpg
Don Bosco nel Mondo

Don Bosco nelle Filippine

Girl,Hold,Out,A,Flower
Tempo dello Spirito

La parola di sei lettere che fa miracoli

12_image_6483441 (7)
invitato

«Faccio don Bosco in Papua Nuova Guinea»

17_2005_1104saluzzo-4-11-050033
Le case di Don Bosco

Come la Fenice. Saluzzo

22_Asilo a Pilual
Diario missionario

Vita quotidiana a Lare, Etiopia

24_10944_Don-Alessandro-Stefenelli
Salesiani

Il Salesiano che ha dato il nome ad una città: Don Alessandro Stefenelli

28_Immagine1465380
La nostra Storia

La fontana, il pozzo e la cucina

32_IMG-20220313-WA0013
FMA

Aria di famiglia

Stampa
Come Don Bosco

Pedagogia controcorrente 8 - Il rilancio delle relazioni

First Crocus
La linea d’ombra

Esserci per un nuovo inizio

39_Immagine1467806
La storia sconosciuta di Don Bosco

Don Bosco nel giudizio di padre Edgardo Mortara

40_Hlond_17
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Venerabile Augusto Hlond

41_Tafunga
Il loro ricordo è benedizione

Monsignor Jean-Pierre Tafunga

42_Relax settembre 2023 Schema
Il crucipuzzle

Scoprendo Don Bosco

43_Grotta azzurra copia
La buonanotte

La grotta azzurra