BS Ottobre
2022

La Buonanotte

B.F. Disegno di Fabrizio Zubani

La favola del pane

In un lontano paese, una povera vedova si manteneva prestando servizio ad una ricca e misteriosa signora che viveva solitaria in una villa dall’aspetto lugubre, seminascosta nel cuore di un bosco. La buona vedova compiva il suo lavoro con generosità e precisione, e un giorno inaspettatamente la signora le fece un regalo: un anello straordinario.

«Ruotando due volte questo anello intorno al dito, ti potrai trasformare in tutto ciò che vorrai» le spiegò la strana signora.

La vedova non ci fece un gran caso, ma quando una terribile carestia si abbatté sulla regione, si ricordò dell’anello.

Lo girò due volte attorno al dito e si trasformò in un magnifico falco dalle ali affilate. Aveva deciso di volare fino a trovare una terra che potesse fornire sostentamento al figlio e ai suoi vicini.

Volò fino ad esaurire le forze, poi tornò mestamente nella sua casa. La carestia aveva colpito tutte le terre del regno. Non c’era scampo per nessuno.

Ma la donna non si rassegnò. Ruotò l’anello due volte e si trasformò in un’enorme e fragrante forma di pane.

Quando suo figlio tornò a casa e vide quella enorme pagnotta, cominciò a mangiare di gusto. Era solo pane, ma saziava in modo mirabile. Mentre masticava con voluttà, il figlio della vedova vide passare un vicino di casa con cui aveva avuto molti dissapori e che gli ispirava una fortissima antipatia.

Era deciso ad ignorarlo, ma una scossa al cuore lo costrinse ad invitarlo a condividere quel pane miracoloso. La voce si sparse e da tutto il villaggio la gente accorse: grandi e piccoli, giovani e vecchi, poveri, ammalati e sani, disperati e inquieti.

Quel pane sembrava non finire mai. Inoltre non si limitava a togliere la fame, ma infondeva serenità e voglia di pace, senso di bontà e salute per il corpo. Quelli che erano nemici si riconciliavano e quelli che prima si ignoravano si sorridevano cordialmente.

Ogni notte, l’ultima briciola di pane si trasformava di nuovo nella vedova generosa. Ogni mattino, la donna ridiventava una gigantesca pagnotta profumata e deliziosa, che nutriva il corpo e lo spirito della gente del villaggio.

Così fu fino al nuovo raccolto. Quel giorno fu organizzata una grande festa. Naturalmente partecipò anche la vedova. Tutti quelli che si avvicinavano a lei provavano una strana sensazione. La donna emanava un intenso profumo di pane appena sfornato.

Il primo sogno missionario
I fioretti di Don Bosco

Il primo sogno missionario

Ancora partono
Il messaggio del Rettor Maggiore

Ancora partono

Lievito per un’umanità nuova
Don Bosco nel Mondo

Lievito per un’umanità nuova

Don Gabriel Romero. Consigliere Regionale per l’America Latina Cono Sud
invitato

Don Gabriel Romero. Consigliere Regionale per l’America Latina Cono Sud

I nove ingredienti dell’amore
Tempo dello Spirito

I nove ingredienti dell’amore

Una vera “potenza” educativa
Le case di Don Bosco

Una vera “potenza” educativa

«Faccio don Bosco nel paese dei Khmer»
In Prima Linea

«Faccio don Bosco nel paese dei Khmer»

Missione è partecipazione
FMA

Missione è partecipazione

Abba Melaku
I nostri eroi

Abba Melaku

San Leonardo Murialdo
I grandi amici

San Leonardo Murialdo

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 9 –  Il cosismo
Come Don Bosco

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 9 - Il cosismo

Un pieno di bellezza
La linea d’ombra

Un pieno di bellezza

Le lotterie: autentiche imprese (seconda parte)
La storia sconosciuta di Don Bosco

Le lotterie: autentiche imprese (seconda parte)

Il Santo del mese – La beatificazione di Artemide Zatti
I nostri santi

Il Santo del mese - La beatificazione di Artemide Zatti

Don Franco Pirisi
Il loro ricordo è benedizione

Don Franco Pirisi

SCOPRENDO DON BOSCO
Il crucipuzzle

SCOPRENDO DON BOSCO

La favola del pane
La buonanotte

La favola del pane