BS Settembre
2022

I FIORETTI DI DON BOSCO

B.F.

Due denti per la Madonna

La voce di «grazie» piccole e grandi che la Madonna concedeva per le mani di don Bosco si diffuse rapidamente durante la costruzione del Santuario di Maria Ausiliatrice, e non si fermò più.

Questa è la testimonianza sconosciuta di una di queste «grazie». È scritta da una povera portinaia, con particolari a volte ingenui.

«Povera ragazza, ero affetta da otto anni da due infezioni dentarie. Ben sette dottori, che videro lo stato già cancrenoso sulla mia faccia, dissero che non v’era più nulla da fare. Non posso descrivere quanto soffrivo! Il papà e la cara mamma, visto il caso disperato, dissero: “Non vi è più altro scampo che andar a Valdocco e vedere don Bosco”.

La mattina, appena giorno, mi condussero al Santuario di Maria Ausiliatrice. Per gli eccessivi dolori io non feci altro che gridare, non solo per la strada ma anche nel traversare la chiesa, con disturbo di quanti vi erano, i quali, forse, mi avranno creduto indemoniata. Nella prima sacrestia trovammo don Bosco che confessava. Dopo alcuni istanti si alzò, venne da me e mi disse: “Hai volontà di guarire?” Io risposi di sì. “Vuoi che preghiamo insieme la Madonna con tre Ave Maria?” Io gli risposi: “Sì, sì”. Allora trasse una reliquia che teneva sotto l’abito; poi con una mano mi fece il segno della Croce con la reliquia, tenendomi l’altra mano distesa sul capo; questo per tre volte, dicendo ad ogni volta con me l’Ave Maria. Alla terza volta mi sentii una cosa che non so dire; mi parve che mi avessero fatto un’operazione. Il fatto è che sull’istante io fui guarita perfettamente.

Dopo mi disse: “Da oggi (era il 25 luglio, non ricordo più bene l’anno) fino al l° di novembre tu dirai tre Pater, Ave, Gloria al Santissimo Sacramento e tre Salve Regina a Maria Ausiliatrice che ti guarì. Le dirò anch’io e le farò dire da altri. Tu non soffrirai mai più di questo; e… poi mi porterai due denti che ti cadranno prima della festa dei Santi”.

Io con grande gioia gli dissi di sì, ben volentieri; ed egli mi consegnò alla mamma che stava piangendo. Don Bosco la interrogò perché piangesse tanto: essa gli rispose che, non avendomi d’un tratto più sentita gridare, credeva fossi morta. Don Bosco sorridendo rispose: “No, no, non è morta. Maria Ausiliatrice l’ha subito guarita”.

Nei tre mesi durante i quali dovevo stare attenta per raccogliere e portare a don Bosco i due denti che egli mi aveva detto sarebbero caduti, una sera, caso strano, mentre camminavo sotto un viale, ove a quei tempi correvano ancora dei rigagnoli d’acqua, mi sentii un affare in bocca e, non pensando a nulla, sputai nell’acqua e subito, con mio forte dispiacere, mi accorsi che era uno dei denti. Andai a casa e raccontai lo sbaglio alla mia mamma. Ed ecco verso la fine di ottobre, un’altra sera, mangiando una minestra di riso e cavoli, mi sentii cadere il secondo dente, ma non potei trattenerlo e l’inghiottii col cibo. Il giorno dei Morti (2 novembre) tornai con mia madre a trovare don Bosco nella sua camera; gli dissi che mi erano caduti i denti, ma che non potevo darglieli per il motivo sopra narrato, ed egli ridendo di cuore (mi pare di vederlo) mi toccò la guancia dicendo: “Vedi, la Madonna li ha già presi!”».        

Due denti per la Madonna
I fioretti di Don Bosco

Due denti per la Madonna

Stefano Sándor è tornato a casa
Il messaggio del Rettor Maggiore

Stefano Sándor è tornato a casa

Beato Istvàn Sándor
I nostri eroi

Beato Istvàn Sándor

La detective dei Santi. Intervista alla Dott.sa Lodovica Maria Zanet
invitato

La detective dei Santi. Intervista alla Dott.sa Lodovica Maria Zanet

Gratitudine. L’eroico segreto della felicità
Tempo dello Spirito

Gratitudine. L’eroico segreto della felicità

Don Bosco a Pordenone
Le case di Don Bosco

Don Bosco a Pordenone

«La mia missione, dall’India all’Africa»<br>Don George Chalissery
In Prima Linea

«La mia missione, dall’India all’Africa» Don George Chalissery

Fuori dagli stereotipi<br>Ziano Val di Fiemme
FMA

Fuori dagli stereotipi Ziano Val di Fiemme

Mettiamo in circolo accoglienza e futuro
La nostra famiglia

Mettiamo in circolo accoglienza e futuro

Pane o cannoni?
Don Bosco nel Mondo

Pane o cannoni?

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 8 – La sindrome del retrovisore
Come Don Bosco

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 8 - La sindrome del retrovisore

I giorni dello smarrimento
La linea d’ombra

I giorni dello smarrimento

Le lotterie: autentiche imprese
La storia sconosciuta di Don Bosco

Le lotterie: autentiche imprese

Il Santo del mese – Il Servo di Dio Francesco Miska, salesiano sacerdote
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Servo di Dio Francesco Miska, salesiano sacerdote

Don Giulivo Torri
Il loro ricordo è benedizione

Don Giulivo Torri

Una gita da sogno
Una gita da sogno

Una gita da sogno

Dio nel pozzo
La buonanotte

Dio nel pozzo