BS Aprile
2022

LA STORIA SCONOSCIUTA DI DON BOSCO

FRANCESCO MOTTO

Giovanni Massaglia, l’amico per la pelle di Domenico Savio

Particolari inediti di un allievo di Valdocco.

Scriveva don Bosco nella prefazione alla “Vita del giovin

etto Domenico Savio, allievo dell’Oratorio di San Francesco di Sales (1859): “Taluno di voi d

imanderà perché io abbia scritta la vita di Savio Domenico e non quella di altri giovani, che vissero tra noi con fama di specchiata virtù. È vero, miei cari, la Divina Provvidenza si degnò di mandarci parecchi modelli di virtù; tali furono Fascio Ga

briele, Rua Luigi, Gavio Camillo, Massaglia Giovanni ed altri: … Per altro

, se Dio mi darà sanità e grazia, ho in animo di raccogliere le azioni di questi vostri compagni, per essere in grado di appagare i vostri ed i miei desideri col 

darvele a leggere e ad imitare in quello che è compatibile col vostro stato”.

Don Bosco non riuscì a realizzare il suo desiderio e tutto restò limitato ai due capitoletti già editi sull’amicizia di Domenico Savio con i giovani Gavio e Massaglia. Circa quest’ultimo nella stessa vita si leggeva: “Se volessi scrivere i bei tratti di virtù del giovane Massaglia, dovrei ripetere in gran parte le cose dette del Savio, di cui fu fedele seguace finché visse”. Poche le novità introdotte nelle famose “Memorie Biografiche” di don Lemoyne, nella riedizione e studio nel 1943 dallo storico don Alberto Caviglia ed anche nella Nuova vita di Domenico Savio di Michele Molineris (1974).

Novità e soprattutto completamenti invece emergono ora dalle ricerche di Ornella Ceruti che all’allievo di Valdocco ha dedicato un bel volumetto illustrato, promanoscritto, dal titolo Chierico Massaglia Giovanni di Marmorito. Famiglia e luoghi di origine (2021).

Con poche parole e molte immagini in bianco e nero e a colori (foto, disegni) la ricercatrice ricostruisce i paesaggi interessati del Monferrato, le trasformazioni dei caseggiati abitati dai Massaglia fino al momento attuale, l’intero albero genealogico del chierico, nonché un profilo biografico più completo dello stesso. La ricerca, seria, benché di indole metodologicamente divulgativa, si basa su fonti di prima mano: i documenti e le memorie dei discendenti della famiglia Massaglia e soprattutto la documentazione conservata in numerosi archivi: salesiani, parrocchiali, diocesani, statali, comunali, notarili; il tutto indicato e numerato a fine volume. Molte le informazioni note, ma non poche le novità.

Le tante coincidenze

Anzitutto possiamo ricordare le numerose coincidenze geografiche e biografiche dei due giovani Giovanni e Domenico, amici per la pelle, benché di età diverse. In effetti erano nati in paesi poco distanti l’uno dall’altro (Mondonio e Marmorito) ed erano stati contemporaneamente allievi di Valdocco (stesso anno scolastico 1854/55 e nella prima metà del successivo). Aspiranti entrambi alla vita sacerdotale (il più grande, Massaglia già con la veste ricevuta da don Bosco ai Becchi, proprio dove don Bosco aveva incontrato Domenico Savio la prima volta), a Valdocco erano modelli di virtù e si stimolavano a vicenda a percorrere la via della santità nel compimento del proprio dovere. Soci della stessa Compagnia dell’Immacolata, sono poi morti entrambi giovanissimi (rispettivamente 18 e 14 anni), a pochi mesi di distanza l’uno dall’altro e per la stessa malattia: ciascuno a casa propria, ma entrambi pochi mesi dopo aver lasciato l’Oratorio al fine di recuperare la salute.

Novità

Agli inediti dati catastali e notarili delle proprietà (con tanto di inventari dei beni anche minuti), si aggiungono le fotografie e le riproduzioni in bianco e nero e a colori di edifici e documenti cartacei che si susseguono pagina dopo pagina, fino alle tabelle finali. Risultano intriganti particolarmente le pagine 118-124 circa lo scenario biografico: “Quello che don Bosco non dice; Quello che dicono don Bosco e la tradizione salesiana, quello che aggiungono i documenti”.

Lasciando da parte quanto scritto da don Bosco, a giudizio dell’autrice il biografo Bosco non ha dato spazio né ha indicato con precisione il tipo di malattia (la contagiosa tubercolosi polmonare), di cui furono vittime i due giovani dell’Oratorio, forse per evitare un’immagine negativa dell’Oratorio. Invero aveva fatto lo stesso nel 1843 nello scrivere la vita del chierico Oblato di Maria, Giuseppe Burzio, un caso molto simile, se non gemello, a quello del Massaglia: due giovani robusti e sani deceduti della stessa malattia.

Inoltre la lettura attenta dell’atto di morte ha consentito all’autrice di precisare che il primo testimone del decesso del Massaglia è stato lo stesso medico curante Mattia Massaglia, che gli aveva praticati gli insistiti ed inutili salassi. Ma soprattutto è interessante l’individuazione dei tre “arnesi di scuola” ritrovati accanto al letto del giovane: un’antologia greca firmata e datata con al suo interno dei petali di rose, una Historia critica firmata, con la scritta (in francese) “non tutti i mali vengono per nuocere” contenente alcuni capelli, un doppio foglietto a stampa dal titolo Eternità con tanto di riflessione e preghiera sul tema. I libri sono intatti perché al giovane era stato proibito di studiare; i fiori erano stati offerti in onore della Madonna nel mese di maggio; la preghiera era quella per i momenti finali della vita. A tutto ciò si dovrebbe aggiungere il ritrovamento di qualche rametto di rosa con spina, occultato sotto il lenzuolo per fare penitenza: cosa peraltro proibita da don Bosco allo stesso Domenico Savio, così come tutte le altre penitenze corporali. 

Quasi certamente non si arriverà all’auspicato riconoscimento ufficiale della santità da altare del giovane Massaia, come invece è avvenuto per l’amico Savio. Ma di certo giustamente è stato inserito nell’Enciclopedia del santi, beati e testimoni della fede e noi oggi, per dirla con papa Francesco, possiamo ritenerlo pure un santo della porta accanto, uno dei tanti formati alla scuola di don Bosco.

Cominciò con la mezzaluna
I fioretti di Don Bosco

Cominciò con la mezzaluna

Tra dolore e speranza
Il messaggio del Rettor Maggiore

Tra dolore e speranza

Dopo il tifone
Don Bosco nel Mondo

Dopo il tifone

Più grande del “Big Bang”
Tempo dello Spirito

Più grande del “Big Bang”

Don Oreste Valle
invitato

Don Oreste Valle

Nel cuore del “Monterosa”
Le case di Don Bosco

Nel cuore del “Monterosa”

Ucraina I salesiani non si fermano
In Prima Linea

Ucraina I salesiani non si fermano

La memoria della gratitudine
FMA

La memoria della gratitudine

Una firma di successo… di 170 anni fa
La nostra Storia

Una firma di successo… di 170 anni fa

Beata Laura Vicuña
I nostri eroi

Beata Laura Vicuña

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 4 –  La sclerocardia
Come Don Bosco

LE MALATTIE DELL’EDUCAZIONE 4 - La sclerocardia

L’utilità dell’inutile
La linea d’ombra

L’utilità dell’inutile

Giovanni Massaglia,  l’amico per la pelle di Domenico Savio
La storia sconosciuta di Don Bosco

Giovanni Massaglia, l’amico per la pelle di Domenico Savio

Il Santo del mese – La serva di Dio Vera Grita (1923-1969)
I nostri santi

Il Santo del mese - La serva di Dio Vera Grita (1923-1969)

Don Giuseppe (Joe) Casti Tocco
Il loro ricordo è benedizione

Don Giuseppe (Joe) Casti Tocco

SCOPRENDO DON BOSCO
Il Cruciverba

SCOPRENDO DON BOSCO

Il rito Cherokee
La buonanotte

Il rito Cherokee