BS Luglio/Agosto
2023

SALESIANI

DARIO REI

Don José Molas
dalla Guerra del Chaco alla Resistenza astigiana

Questo simpatico e veramente ardito prete salesiano si era dedicato tutto ai partigiani, curando specialmente lo scambio dei prigionieri.

José Domingo Molas era nato nel 1901 a San Estanislao, cittadina 150 km a nord di Asunción in Paraguay, da famiglia imparentata con don Mariano Antonio Molas, notabile dell’Indipendenza del paese. Sentì la chiamata di Dio nella prima adolescenza. A ventun anni venne in Italia all’Istituto Salesiano di Foglizzo nel Canavese, poi studente alla Crocetta, dove si laureò dottore in Teologia, primo della sua classe e con la massima votazione. Nel 1926 venne ordinato sacerdote a Maria Ausiliatrice e ritornò in Paraguay. Nel 1932, giovane direttore della Scuola Agricola di Ypacaraí, partì come cappellano militare paraguaiano per il fronte della Guerra del Chaco.

La guerra tra Paraguay e Bolivia fu la più cruenta del continente nella prima metà del xx secolo, venne combattuta con enorme dispiego di materiale bellico e di uomini: vi caddero 60 mila boliviani e 30 mila paraguaiani, sterminati da malaria e siccità, più ancora che dai colpi che si scambiavano. Per tre anni Molas condivise la vita dei soldati, l’assistenza ai feriti, il recupero dei caduti.

Di nuovo in Italia, di nuovo in guerra

Tornato in Italia nel ’38, inviato a dirigere il Santuarietto in località Becchi nell’ambito della comunità diretta da don Marcello Abele Jojeusaz, svolse compiti di animatore giovanile dell’Oratorio. Nei primi anni della guerra la vita proseguiva in apparenza ordinaria, nonostante i rischi di bombardamento e di rappresaglia. Dopo l’8 settembre 1943 tutto cambia. L’Istituto salesiano fu impegnato – Molas in prima persona – negli aiuti ai soldati sbandati, provenienti per lo più dalla IV Armata italiana, già attestata sul confine tra Piemonte e Francia meridionale, che vi cercavano rifugio. Poi l’accoglienza venne estesa a soldati e aviatori inglesi e americani, a giovani dei dintorni renitenti alla leva e ai primi partigiani.

Nel maggio del ’44, per la prima volta a don Molas viene richiesto d’interessarsi per lo scambio di tre uomini “presi dalle autorità nazi-fasciste, si trattava di un caso che poteva finire con la fucilazione”. Accompagnato con macchina e autista partigiani in un viaggio avventuroso alla Feldgendarmerie di corso Oporto a Torino, dopo un lungo colloquio con il comandante si arrivò all’accettazione delle trattative. Il comandante fornì il sacerdote di un lasciapassare valido per tre giorni (i necessari per il perfezionamento dello scambio). In tre giorni gli uomini furono liberi.

Al servizio del prossimo

Da quel momento Molas, oltre a collocare i rifugiati presso il Santuarietto e nelle cascine circostanti e tenerli al riparo da “soffiate” e perquisizioni, comincia a svolgere una inesausta attività di contatto e mediazione – con i comandi tedeschi di Torino e di Asti e con le formazioni partigiane attestate fra Vallunga e Moncucco – per la liberazione e lo scambio dei prigionieri. La sola eccezione riguardava il trasporto e lo scambio di armi dei soldati. “Non vollero accordarmi questo, ma fui inesorabile e mantenni la parola”. Si muoveva su una Fiat 1100, con il prezioso lasciapassare tedesco, datagli da Rivella, che a Capriglio teneva un deposito-laboratorio di pellicce. Silenzioso e riservato, informava dei suoi spostamenti solo il Direttore, che poi scriverà: «Dal maggio 1944 al 22 aprile 1945 il nostro Don Molas venne addetto esclusivamente a quest’opera umanitaria. Riconosciuto ufficialmente come arbitro anche dai nazi-repubblicani, e dotato di un’automobile, egli continuò per un anno a correre da un comando all’altro per salvare tanti poveri infelici. Avrebbe da fare un volume di tutte le peripezie, dei pericoli incontrati, delle sofferenze patite».

Il grande rastrellamento

Il 30 novembre 1944, l’Istituto fu occupato da trenta SS e sessanta italiani della Brigata Nera Cuneo. All’arrivo delle truppe, un soldato tedesco, che era stato catturato dai partigiani e nascosto in uno scantinato in vista di un futuro scambio, si mise a gridare per segnalare la sua presenza: fatta irruzione, fu trovato, liberato e Molas fu salvato solo dall’arrivo di un ufficiale, che lo riconobbe. Gli occupanti si stabilirono per tre giorni nell’Istituto; non trovarono i quindici rifugiati nella soffitta del santuarietto (nove renitenti della borgata, tre partigiani e tre inglesi) e ripartirono in direzione di Villafranca e del Po. Sul piazzale antistante la chiesetta, i tedeschi avevano disposto ogni sorta di automezzi militari, mitragliatrici, cannoncini e munizioni varie.

«Noi scolari, che frequentavamo le Elementari ai Becchi, dovevamo attraversare lo sbarramento armato dei tedeschi sul piazzale per entrare ed uscire dalla scuola: all’uscita Don Molas comandava alle maestre e ai bambini di uscire in silenzio dalle aule, in fila indiana e senza correre; dividersi in tre gruppi e con il suo sorriso caratteristico ci accompagnava ai punti sicuri, da dove ognuno si avviava verso le proprie case» ricorda un testimone.

Il mitragliamento di Sessant

Il 29 gennaio 1945, al ritorno da un viaggio in auto ad Asti per trattare la sorte di un confratello – Molas era accompagnato dall’ingegner Pietro Mosso di Cerreto e da Tancredi Cabiati della ditta che costruiva l’Istituto Bernardi Semeria – la vettura fu intercettata presso Sessant da due cacciabombardieri inglesi in ricognizione e mitragliata a bassa quota, mentre una casa vicina venne distrutta dal lancio di due bombe. Disteso sulla neve fra i filari bruni di una vigna, Molas si pose al riparo da un finale attacco di mitragliatore alla macchina e si salvò, mentre da presso si trovarono i corpi di Mosso e di Cabiati. Consegnatili alle famiglie, Molas rientrò il 31 gennaio al Colle, rendendo grazie “per la materna protezione ricevuta avverso le torturanti angosce di questi giorni”.

Ai primi di febbraio del 1945, cinque soldati tedeschi, giunti a Castelnuovo probabilmente da Chieri, sostarono da un commerciante di vini con bottega presso via Monferrato, dove furono individuati e colpiti a morte da una sopravvenuta pattuglia partigiana. A Torino Molas fu informato del panico della popolazione; rientrò a Castelnuovo, si mise in contatto con le formazioni partigiane, ottenne che le salme gli venissero consegnate e le preparò “in modo degno”, facendo tutto da solo, mentre la popolazione era nascosta per timore di rappresaglie. Iniziò a Torino trattative con il comando tedesco, che si conclusero positivamente. La colonna tedesca raggiunse egualmente Castelnuovo e, dopo un’ora di presenza in paese, si ritirò.

Li trovo per istrada al loro ritorno e dico al comandante del gruppo che all’indomani portavo io personalmente le salme a Chieri secondo accordi con il loro comando.

La rappresaglia non ebbe luogo.

Verso la Liberazione

A Chieri Molas ottiene dal comandante partigiano “per specialissima cortesia” la restituzione dell’aiutante personale del capitano tedesco, liberando la quarantina di ostaggi catturati ed esposti alla rappresaglia. Dopo la cattura di Giorgio Berruti, GL di Pino d’Asti, ferito nello scontro di Aramengo del 3 marzo del 1945 e portato a Torino per la fucilazione, riesce ad ottenere la liberazione in cambio di Berruti con due ufficiali tedeschi sul ponte della Gran Madre. Da ultimo Dusino: ai primi di aprile ’45, il comandante tedesco, perse notizie di un camion della sua colonna in moto verso Torino, fece raccogliere tutti gli abitanti dinanzi alla piazza (incluso il prevosto settantenne), li rinchiuse in chiesa, minacciando di fucilarli “cinque alla volta” contro il muro esterno se il camion non saltava fuori. Molas arriva a Dusino con la macchina (la Topolino che aveva sostituito la vecchia 1100 mitragliata), la nasconde al riparo dal sorvolo di aerei a bassa quota, prende una bicicletta e raggiunge uno dei capi, “il quale mi assicurò che il suo reparto non aveva attaccato il camion”. Così riferisce al comandante tedesco.

“Si vede che lei conosce dove sono questi partigiani.” Risposi: “Io domando nei paesi se qualcuno mi sa dare notizie di qualche capo, altrimenti come potrei compiere la mia missione. Lei ci dice di portare una risposta perentoria: bisogna ben che andiamo a parlare con qualcuno, no?”

L’ufficiale ordina a Molas di non muoversi e alle dodici comincia a prelevare i primi cinque e li mette contro la parete di una casa di fronte alla chiesa. Arriva un altro sacerdote, che avendo raggiunto in bici un comandante partigiano di Valfenera reca una sua lettera, che minaccia inaudite (e improbabili) rappresaglie sui prigionieri tedeschi in mano ai partigiani, qualora le fucilazioni dei civili avessero corso. Molas procede a tradurre in tedesco – “a beneficio dell’ufficiale” – il testo scritto, “con una certa foga”, che aggiunge peso al contenuto della lettera stessa. Alle dodici e quarantacinque un altro sacerdote arriva da Poirino con la notizia che il camion non era stato preso, ma aveva proseguito verso Torino e, alla conferma, il comandante dopo una sfuriata lascia in libertà gli ostaggi fuori e dentro la chiesa e riparte con i due camion che aveva con sé.

A guerra appena finita, il 1° maggio del ’45, a Torino «arriva un’auto di Patrioti, che guidati dal nostro Don Molas, l’apostolo e il liberatore di tanti paesi e di tanti ostaggi, riportavano dal Colle don Bosco la grandiosa tela del quadro taumaturgo di Maria Ausiliatrice» scrive il Bollettino Salesiano.

Lasciò definitivamente Castelnuovo nel 1949, e poi l’Italia, per non farvi più ritorno. Rientrato in Paraguay, dal 1952 fu poi al Colegio Pio de Villa Colon a Montevideo, fino alla morte nel 1984. Nel decennale le sue spoglie furono riportate nel Panteón Nacional in Paraguay, per ricevere onori ufficiali e, sempre nel 1994 a cinquant’anni dalla fine della guerra in Europa, si riunirono ai Becchi in suo ricordo molti dei suoi “rescatados”.  

donnn
I fioretti di Don Bosco

Un caffè con il boia

5_image00003
Il messaggio del Rettor Maggiore

Questo è amore...

9_jmj_sdb
Giornate mondiali della gioventù

Portogallo 2023. La magia della GMG

Family,With,Small,Children,Hiking,Outdoors,In,Summer,Nature.
Tempo dello Spirito

Il pellegrinaggio

14_PRIME RICONCILIAZIONI
invitato

Don Gio Conti .Professione “anima” d’oratorio

Tanks in Sudan
Don Bosco nel Mondo

Martirio Sudan

21_IMG_20211017_173931
Iniziative

Il cammino di don Bosco nel Monferrato

dav
Creatività salesiana

Le 40 mila immagini sacre del signor Gianduzzo

25_IMG_3715
Passione oratorio

Nel centro ferito della città. Incontro con don Gianmarco Pernice

29_B-322
Salesiani

Don José Molas dalla Guerra del Chaco alla Resistenza astigiana

32_Immagine WhatsApp 2023-03-13
FMA

Il centro Fonte d’Ismaele

35_shutterstock_99617009
Come Don Bosco

Pedagogia controcorrente 7 - Compiti per le vacanze

Earth,Crystal,Glass,Globe,Ball,And,Growing,Tree,In,Human
La linea d’ombra

Le cose che contano

39_libro
La storia sconosciuta di Don Bosco

“Fu di tutta mia intelligenza la tua andata in Patagonia”

MARENGO Oreste 2
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Servo di Dio Oreste Marengo

41_Immagine1458019
Il loro ricordo è benedizione

Don Germano Proverbio

42_RELAX luglio_ago 2023 Schema
Il crucipuzzle

Scoprendo Don Bosco

43_Tarassaco
La buonanotte

I tarassachi