IL LORO RICORDO È BENEDIZIONE

ANS

Don Cosimo Semeraro

Morto a Cerignola (Foggia), l’8 marzo 2021, a 78 anni

Don Cosimo Semeraro, nato a Taranto nel 1942, a 22 anni entra nella Congregazione salesiana e compiuti gli studi teologici nella Facoltà di Teologia (sezione di Torino Crocetta), coronati con la Licenza in Teologia nel 1971, e dopo l’ordinazione sacerdotale, ha svolto nella sua Ispettoria di origine l’incarico di Direttore dell’oratorio a Cerignola. Ha proseguito gli studi universitari conseguendo, nel 1978, il Dottorato in Storia della Chiesa. Dal 1973 è Professore presso la Facoltà di Teologia della Pontificia Università Salesiana per la cattedra di Storia della Chiesa, e dal 2002 Segretario del Pontificio Comitato di Scienze Storiche.

In trent’anni di docenza nella Facoltà di Teologia ha tenuto corsi e seminari attinenti all’area della metodologia del lavoro scientifico, della Storia della Chiesa, della Storia della spiritualità e dell’Opera salesiana. È stato Economo, Segretario, Direttore del Centro Studi “Don Bosco” e Direttore dell’Archivio storico dell’Università.

I suoi scritti offrono un’indiscutibile testimonianza della sua larga informazione bibliografica, della sua matura competenza nell’esame delle fonti e nella ricostruzione di situazioni, personaggi, istituzioni ed eventi storici, condotta con aggiornati criteri storiografici.

Inoltre, don Semeraro ha partecipato intensamente alla vita della comunità scientifica offrendo propri contributi e rappresentando la Santa Sede in organismi internazionali. Per la sua riconosciuta e apprezzata competenza, infatti, è stato chiamato nel 2002 a svolgere l’incarico di Segretario del Comitato di Scienze Storiche della Santa Sede, compito che ha svolto con impegno e competenza fino al 2013.

Negli ultimi anni aveva svolto con la solita passione e il consueto zelo apostolico e salesiano l’incarico affidatogli di responsabile della Missione Cattolica Italiana in Svizzera, presso Zurigo; e appena a febbraio scorso era stato nominato Direttore della Comunità salesiana di Cerignola. Il suo decesso è avvenuto per arresto cardiaco presso l’Ospedale di Cerignola, dove era stato ricoverato per Covid-19.

“Uomo buono, ricco di scienza storica, Salesiano fervente…” lo ha ricordato in un messaggio monsignor Enrico dal Covolo, SDB, già Rettore Magnifico della Pontificia Università Lateranense; e da parte sua il cardinale Tarcisio Bertone, già Segretario di Stato Vaticano, saputa la notizia, ha comunicato di aver “offerto suffragi per l’indimenticabile Professore, con vivo ricordo e sentita stima per il Docente, lo studioso, lo zelante sacerdote, il fervente figlio di don Bosco che ha servito la famiglia Salesiana, l’UPS, la Chiesa e la Santa Sede con grande competenza, generosità e amore. Lo affida al Signore, per intercessione di Maria Ausiliatrice per un grande premio, esprimendo la sua vicinanza alla Comunità di Cerignola e a quella universitaria dell’UPS”.

Queste sono solo alcune delle tappe del suo lungo e prestigioso curriculum accademico e, anche se la sua dedizione agli studi e alla ricerca storica sono state significative e determinanti nel suo ambito, avvalorate da numerosi riconoscimenti anche internazionali, l’anima di don Cosimo è stata un’altra.

La sua anima, infatti, la troviamo nelle parole di san Giovanni Bosco: «Basta che siate giovani perché io vi ami». Łukasz è uno di quei giovani che hanno avuto la possibilità di incontrarlo e di essere coinvolti dalla sua salesianità. Un solo episodio a testimonianza di ciò. Una sera tornando in comunità, don Cosimo ha intravisto, seduti sul muretto di un parco di periferia, un gruppetto di adolescenti. Il richiamo a interessarsi di loro è stato troppo forte e si è fermato. Ha compreso subito che erano ragazzi senza casa, lontani dalla famiglia, arrivati fin lì da altri paesi. Cordialmente, ma in modo diretto, ha chiesto chi voleva andare con lui quella sera a dormire al sicuro. Tre lo hanno seguito e sono diventati oggetto delle sue cure. Gli ha trovato un alloggio, la possibilità di studiare e un lavoro. Łukas, uno dei tre, ha continuato a stare vicino a don Cosimo, ed è stato per un po’ di tempo il suo segretario privato per digitalizzare il materiale dei suoi studi storici, non come un dipendente ma come un figlio carissimo. E don Cosimo lo ha sempre considerato tale, accogliendolo nelle fasi più critiche e guidandolo con mano forte come farebbe un buon padre.

Suor Stella, che lo ha avuto come cappellano testimonia: «Non posso pensare a don Cosimo senza un sorriso. Era così simpatico, accogliente e sorridente. Durante il mio soggiorno a Roma ho avuto modo di conoscerlo e di condividere alcune feste con le care sorelle che vi abitavano. Ricordo la sua benedizione impartita con tanto affetto. Possa riposare in pace padre Cosimo, e continuare a sorriderci dal cielo».

Il fido Bracco
I fioretti di Don Bosco

Il fido Bracco

Tota pulchra es Maria
Il messaggio del Rettor Maggiore

Tota pulchra es Maria

Etiopia Il silenzio  degli innocenti
Don Bosco nel Mondo

Etiopia Il silenzio degli innocenti

La Madonna di don Bosco
Tempo dello Spirito

La Madonna di don Bosco

Babu Augustine
Salesiani

Babu Augustine

Don Gildasio dos Santos Mendes
Le Nostre Guide

Don Gildasio dos Santos Mendes

La speranza su due ruote
FMA

La speranza su due ruote

Rimini
Le case di Don Bosco

Rimini

Marco Baù
I Nuovi Salesiani

Marco Baù

Inno a San Giuseppe
Musica

Inno a San Giuseppe

AUTOGRILL PER EDUCATORI tre verbi speciali
Come Don Bosco

AUTOGRILL PER EDUCATORI tre verbi speciali

Santa Maria Domenica Mazzarello
I Fondatori

Santa Maria Domenica Mazzarello

La geografia del buio
La linea d’ombra

La geografia del buio

145 anni… e non li dimostra
La storia sconosciuta di Don Bosco

145 anni… e non li dimostra

Il Santo del mese – Beata Maria Romero Meneses
I nostri santi

Il Santo del mese - Beata Maria Romero Meneses

Don Cosimo Semeraro
Il loro ricordo è benedizione

Don Cosimo Semeraro

SCOPRENDO DON BOSCO
Il Cruciverba

SCOPRENDO DON BOSCO

Un volto e una voce
La buonanotte

Un volto e una voce