I FIORETTI DI DON BOSCO

B.F.

Don Bosco salvato dalle acque

Un gelido pomeriggio del febbraio 1883, don Bosco era a Nizza, dove fioriva una splendida scuola salesiana, stimata e rispettata da tutti. Nizza era diventata francese, ma i legami centenari con Torino e Genova erano ancora molto forti.

A Nizza tutti conoscevano e amavano don Bosco e quel freddo pomeriggio era stato invitato dal vescovo della città, monsignor Balain a vedere un terreno che dei benefattori volevano offrire gratuitamente nel caso che, come sembrava, il Governo procedesse all’esproprio dell’immobile di Piazza d’Armi, dato a don Bosco, nell’intendimento di costruir-vi una caserma.

Don Bosco volle fare il tragitto interamente a piedi, accompagnato da don Ronchail e dal barone Héraud. Arrivato al torrente Paillon, invece di proseguire fino al ponte Garibaldi, don Bosco preferì abbreviare d’un buon tratto la strada, attraversando il torrente.

L’aveva già fatto una volta, in senso inverso sette anni prima, quando era a venuto a comperare la villa Gautier. In fondo, desiderava commemorare quell’anniversario.

Il greto del Paillon, come capita nei torrenti, era larghissimo, mentre il corso dell’acqua era in proporzione assai povero; pure acqua ce n’era e in tre punti bisognava camminare su passerelle traballanti.

Con brio giovanile don Bosco, ricordando ai suoi compagni di essere stato un provetto acrobata, si avviò senz’aiuto del Direttore e del Barone, che, uno davanti e l’altro dietro, gli volevano dare la mano. Per le due prime passerelle e fin quasi all’estremità della terza tutto andò benone; ma quest’ultima era particolarmente viscida. A don Bosco scivolò l’appoggio e cadde nell’unica pozza colma d’acqua.

«Oh, por préive!» gridarono esterrefatte parecchie lavandaie piemontesi sulla riva.

Fu un brutto momento per don Ronchail, che sapeva in che stato don Bosco avesse le gambe. Per fortuna don Bosco si rialzò subito e, bagnato fradicio dalla testa ai piedi, salutò il suo cappotto che, tenuto solo sulle spalle, gli era caduto continuando a navigare per proprio conto ancora per un bel pezzo. Tutto intriso e grondante acqua, don Bosco fu fatto montare in una carrozza, che lo ricondusse rapidamente a casa.

Ma non possedeva vestiti o biancheria di ricambio. Così il Direttore lo fece mettere a letto. Gli amici, appena lo seppero fecero a gara per provvedere.

Sulle prime, in casa non si seppe nulla dell’incidente; solo, a quanti chiedevano, rispondevano che don Bosco si sentiva un po’ stanco; ma il dì appresso, nel pranzo solenne dinanzi a una ventina d’invitati, don Bosco raccontò per filo e per segno la sua caduta nel Paillon e il bagno forzato.

Il barone Héraud divulgò ai giornali una fotografia col panorama di Nizza, su cui aveva disegnato un monumento nel posto della caduta e sotto il monumento aveva scritto un’epigrafe che diceva: «24 febbraio 1883. Don Bosco salvato dalle acque del Paillon».       

LA STORIA

Questa storia è raccontata in una lettera di don Ronchail.

Don Bosco salvato dalle acque
I fioretti di Don Bosco

Don Bosco salvato dalle acque

Lettera di un cuore grato
Il messaggio del Rettor Maggiore

Lettera di un cuore grato

Etiopia Il silenzio  degli innocenti
Don Bosco nel Mondo

Etiopia Il silenzio degli innocenti

Sei mosse per ritrovare  il gusto del futuro
Tempo dello Spirito

Sei mosse per ritrovare il gusto del futuro

Miguel Ángel García
Le Nostre Guide

Miguel Ángel García

Il nostro cortile digitale
FMA

Il nostro cortile digitale

ANS  L’Agenzia Internazionale  di don Bosco
invitato

ANS L’Agenzia Internazionale di don Bosco

Il Poster
Poster

Il Poster

Sergej Goman «Centinaia di bambini  mi chiamano papà»
In Prima Linea

Sergej Goman «Centinaia di bambini mi chiamano papà»

Don Bosco  Preparatory  High School Ramsey, New Jersey,  Stati Uniti
Le case di Don Bosco

Don Bosco Preparatory High School Ramsey, New Jersey, Stati Uniti

Don Bosco e i migranti
La nostra Storia

Don Bosco e i migranti

AUTOGRILL PER EDUCATORI Le parole sono pietre (preziose)
Come Don Bosco

AUTOGRILL PER EDUCATORI Le parole sono pietre (preziose)

L’umanità del limite
La linea d’ombra

L’umanità del limite

Il Bollettino Salesiano “Non è un giornale come gli altri”
La storia sconosciuta di Don Bosco

Il Bollettino Salesiano “Non è un giornale come gli altri”

Il Santo del mese – Augusto Czartoryski
I nostri santi

Il Santo del mese - Augusto Czartoryski

Don Luigi Zulian
Il loro ricordo è benedizione

Don Luigi Zulian

SCOPRENDO DON BOSCO
Il Cruciverba

SCOPRENDO DON BOSCO

La mela
La buonanotte

La mela