BS Febbraio
2024

SALESIANI

GIULIA GUDDEMI (DA CASATEONLINE)

Don Bosco nella TERRA COLORATA

Dalla piccola Valaperta a vescovo… del Perù. Monsignor Galbusera racconta gli anni trascorsi al servizio della Chiesa‚ nel mondo.

È recentemente giunta al termine l’esperienza in Perù di monsignor Gaetano Galbusera. Il religioso, infatti, al termine di questi anni della sua vita in cui è stato Vescovo del vicariato apostolico della città di Pucallpa, è tornato a vivere in Italia, e risiede ora a Milano. L’esperienza del Perù rimane comunque una delle più interessanti e significative del suo percorso, che sicuramente ricorderà per sempre.

Una storia come la sua è qualcosa di veramente particolare; lui, originario di un piccolo paese come quello di Casatenovo, seguendo il suo cammino di fede è riuscito ad arrivare persino in America del Sud. “Sono nato nel 1940 a Rimoldo, una piccola frazione di Casatenovo, in una famiglia contadina patriarcale” racconta, “tra il 1948 e il 1950, dopo la guerra, si sono costituite le singole famiglie e, grazie alla laboriosità dei brianzoli, è cominciato lo sviluppo economico e sociale. Guardando indietro, dopo una lunga esperienza per il mondo, devo riconoscere nella famiglia la presenza di tanti valori che sono la forza della mia gente: la laboriosità, l’onestà, la famiglia con la sua solidità e preoccupazione per l’educazione dei figli, la solidarietà e soprattutto la fede cristiana”.

Per una scelta di vita come la sua infatti, diventa fondamentale il supporto familiare, il quale, spiega, è stato presente e incisivo sin da subito. Da non sottovalutare, tuttavia, sono anche altri ambienti frequentati durante l’infanzia e i primi anni di vita, in quanto hanno contribuito senza dubbio a insegnare quei valori che l’hanno poi spinto a intraprendere un cammino di vita come il suo: “Sono grato per quello che ho ricevuto dalla mia famiglia, dalla scuola elementare e dall’oratorio, cioè i valori che mi hanno permesso di crescere, di affrontare le prove della vita e di intraprendere il cammino verso una scelta di servizio e verso la vocazione. Sono stati loro a spingermi a pensare in grande e a coltivare ideali. Al primo posto ci sono i valori cristiani, che erano il tessuto della nostra cultura intesa come valori condivisi dalla comunità”.

E questi valori sono davvero il fondamento di intere comunità, anche di frazioni piccole come quelle di Rimoldo e Valaperta. Come spiega anche monsignor Gaetano, infatti, spesso sono stati proprio questi paesini a fare da culla per molti altri religiosi che hanno intrapreso il suo stesso percorso: “la mia scelta di vita non ha niente di originale o straordinario” afferma, “chi conosce bene la nostra storia e non dimentica, sa che sono partiti per il Brasile, Argentina e Africa altri missionari e missionarie. Davvero il Vangelo di Gesù è penetrato profondamente nelle nostre case ed è capace di provocare scelte forti e sostenute dalle famiglie e dalla comunità. Dalla fede nel Vangelo è nato il coraggio di uscire dal nostro “piccolo” per affrontare il mondo. Se non sbaglio il primo missionario è partito per il Brasile nel 1910, padre Samuele Galbusera, salesiano”.

La scelta di andare in Perù, in ogni caso, non era il primo obiettivo per il casatese, anzi. L’idea è nata dopo, grazie a una richiesta da parte di esterni. Prima dell’America del Sud infatti, il religioso ha vissuto diverse esperienze qui in Italia e ha seguito un lungo percorso di formazione, entrambi elementi che hanno influito sul suo futuro. “Io sono diventato salesiano, figlio di don Bosco, seguendo una strada già aperta. La vocazione chiede una disponibilità totale: andare dove ti inviano, dove c’è bisogno. All’inizio non sai che cosa ti riserva la tua chiamata, ti trovi di fronte una sorpresa dopo l’altra, di certo non ti aspetti di arrivare fino in Perù. Per quanto riguarda il mio percorso, da giovane prete ho lavorato in un riformatorio di Arese, con i ‘barabitt’, come li chiamavano. Poi sono stato anche con gli studenti delle superiori a Brescia, e dopo ancora mi hanno chiesto di fare il parroco, prima ad Arese, e poi a Sesto San Giovanni. Sono stato anche Superiore (Ispettore) della zona Adriatica. E poi è arrivata la proposta per il Perù” racconta il vescovo.

“Nel 1997 i Superiori mi chiamarono a Roma e mi proposero di andare in America Latina a dirigere un nuovo Seminario che si era aperto sulle Ande a 3000 metri di altezza. Il Seminario era appena stato fondato dal presbitero Ugo De Censi, cofondatore dell’Operazione Mato Grosso, movimento che a Casatenovo ha i suoi gruppi e suoi volontari in missione. Ho accettato e ho fatto il Rettore di Seminario per 10 anni. Il progetto era formare sacerdoti con l’esperienza di lavoro e condivisione con la gente povera, aperti alla vita pastorale – che si vive a contatto diretto con gente – lontani dallo spirito clericale, con carità generosa. E poi la sorpresa assolutamente inaspettata: andare a fare in Vescovo nella zona amazzonica”.

Una proposta particolarmente coraggiosa, ma altrettanto coraggiosa è stata la scelta di accettare: è risaputo infatti che l’Amazzonia sia un territorio attraversato da numerose problematiche, con le quali spesso risulta difficile confrontarsi. Tuttavia, lo spirito religioso è stato di gran lunga più forte, e insieme all’azione della Chiesa ha contribuito – e deve tutt’ora contribuire – anche ad affrontare questo genere di eventi.

“Il mio vicariato (= diocesi) è una chiesa di prima evangelizzazione, i missionari si sono stabiliti e operano da cinquant’anni. La popolazione che vive sulle sponde del fiume Ucayali (quando il fiume che attraversa il Perù dal Sud al Nord entra in Brasile prende il nome di Rio delle Amazzoni) è formata in minoranza da popolazioni indigene e in maggioranza da popolazioni meticce. Ci sono povertà, difficoltà enormi per l’educazione e la salute, problemi dovuti alla deforestazione, all’estrazione mineraria illegale, agli inquinamenti. La maggior parte della popolazione vive nella città di Pucallpa, una città in continua crescita, ma con gravi problemi economici e sociali. Religiosamente è diffusa quella che chiamano la “pietà popolare”, che dà spazio alle manifestazioni esterne come le processioni, le feste dei santi e le veglie. I missionari si impegnano a portare i fedeli a una fede convinta e solida. Ma l’azione pastorale della Chiesa deve preoccuparsi dei problemi sociali, dell’ambiente, dell’educazione, della salute e della sicurezza. In merito alla complessità delle problematiche dell’Amazzonia, papa Francesco ha scritto il documento ‘Cara Amazzonia’, che invito a leggere”.

L’obiettivo principale dell’esperienza in Perù è stato certamente quello di ogni missione religiosa, ovvero mettersi al servizio degli altri per aiutarli nel bisogno, diffondendo la Parola del Vangelo. In questo, monsignor Gaetano è sicuramente un modello esemplare, in quanto in questi 12 anni di attività, il suo lavoro pastorale è stato molto prolifico: “abbiamo organizzato visite pastorali alle comunità della “selva” e l’animazione delle attività che si sono aperte al servizio della popolazione: una scuola, un piccolo ospedale, varie parrocchie, asili per bambini e formazione per i seminaristi” racconta, e, descrivendo un po’ le persone con cui è venuto a contatto: “la gente dell’Amazzonia ha la sua cultura, è legata alla sua terra e alla natura, ha le sue credenze ed è dedita alla pesca… per i tanti problemi però tende – e questo soprattutto i giovani – ad andare verso la città, abbandonando le proprie tradizioni. Mi ha colpito molto anche il loro carattere: i peruviani sono molto aperti e accoglienti”.

Quest’esperienza del Perù purtroppo è recentemente giunta al termine e, a posteriori, viene naturale fare dei confronti fra la civiltà italiana e quella peruviana. E così, don Gaetano spiega: “la globalizzazione porta anche nei paesi poveri, soprattutto fra i giovani, gli atteggiamenti e le tendenze delle nostre società evolute: parlo di moda, musica, cultura virtuale, consumismo… Solo che là è sempre evidente il contrasto tra quelli che possono (pochi) e tanta popolazione che vive di stenti. Chi non conosce il terzo mondo non può rendersi conto del nostro consumismo e della nostra indifferenza. Ritorno a parlare della Esortazione Apostolica di papa Francesco, tanto attuale non solo perché recente, ma perché necessaria. Siamo chiamati a una vita più austera, a preoccuparci seriamente del tema ambientale e alla riscoperta dei valori della nostra tradizione, famiglia, solidarietà, Vangelo… e, per i giovani, dei forti ideali”.

Si conclude così l’esperienza di monsignor Gaetano Galbusera, che porterà sempre con sé il ricordo di una vita spesa all’insegna dei valori cristiani, al servizio dei più bisognosi.    

PUCALLPA OGGI

Scuola di ebanisteria “Taller Don Bosco” – Neshuya

I ragazzi che frequentano la scuola “Taller Don Bosco” di Neshuya (km 64 CFB), proventienti da vari villaggi della regione Ucayali e spesso con situazioni familiari difficili alle spalle, ricevono gratuitamente un’educazione e imparano una professione, coltivando i valori fondamentali e l’attenzione per i più poveri. Dopo aver terminato la scuola, ai ragazzi che lo desiderano è data la possibilità di entrare a far parte della cooperativa Artesanos Don Bosco Pucallpa.

Parrocchia San Juan Bosco – Pucallpa

La parrocchia San Juan Bosco, che ospita anche il laboratorio di falegnameria di Artesanos Don Bosco Pucallpa, è stata aperta nel 2008 nel quartiere Siempre Unidos di Pucallpa, una delle periferie più povere della città. Grazie al sostegno di tanti benefattori e amici in Italia e dell’OMG è possibile “tenere sempre aperta la porta della carità”, distribuendo viveri alle famiglie più povere, sistemando le abitazioni, aiutando per quanto riguarda la salute e i documenti di base, accogliendo temporaneamente alcuni bambini che non possono vivere con la famiglia, dando una formazione sana attraverso l’oratorio.

CAR – Casa Hogar Barcoiris – Pucallpa

La Casa Barcoiris, in funzione da gennaio 2017, è una struttura (CAR – Centro de Atención Residencial) che accoglie minori in stato di abbandono morale e materiale o separati temporaneamente dalla famiglia per motivo di tutela, provvedendo ai loro bisogni materiali, affettivi, educativi e formativi.

car.barcoiris@gmail.com 

Parrocchia Santo Domingo Savio – Pucallpa

La parrocchia Santo Domingo Savio si trova nel quartiere La Perla di Yarinacocha (Pucallpa), una zona della città fino a pochi anni fa disabitata e ora invasa da migliaia di persone. La parrocchia è nata da poco e, oltre al servizio pastorale, è stato aperto un oratorio per creare un luogo “pulito” dove bambini e ragazzi possano incontrarsi e crescere in modo sano.

Collegio “Don Bosco” – Pucallpa

Il collegio salesiano “Don Bosco” di Pucallpa, aperto dal vescovo salesiano monsignor Gaetano Galbusera, è riconosciuto per la formazione di alto livello e per lo stile educativo improntato al metodo di don Bosco.

Casa “El Buen Samaritano” – Pucallpa

Attraverso la casa di salute “El Buen Samaritano” (“Buon Samaritano”) il Vicariato Apostolico di Pucallpa, con il sostegno di varie entità locali ed estere e grazie alla collaborazione volontaria di persone, medici e infermieri locali, assiste gratuitamente i più poveri, anziani, persone abbandonate della città.

Artesanos Don Bosco

Artesanos Don Bosco, cui si ispira Artesanos Don Bosco Pucallpa pur rimanendo un progetto indipendente, è un’organizzazione cooperativa non-profit che sostiene numerosi artigiani in Perù che hanno frequentato le scuole professionali dell’Operazione Mato Grosso. Attualmente ne fanno parte decine di scultori, pittori, falegnami, artisti del vetro e della pietra, il cui lavoro è molto apprezzato in Perù, Italia e Stati Uniti.

A Pucallpa Artesanos Don Bosco ha realizzato tutte le opere in legno e le vetrate della Cattedrale, e le vetrate della chiesa Nostra Signora di Lourdes di Yarinacocha.

2_can
I fioretti di Don Bosco

Il CANE GRIGIO delle suore

4_53425135996_e42224a6da_o
Il messaggio del Rettor Maggiore

E la stella si fermò su una SEDIA A ROTELLE

7_Immagine1512758
Don Bosco nel Mondo

Vietnam

11_Immagine1517970
Tempo dello Spirito

ESSERE AMABILI come don Bosco

12_102A4184
invitato

La mia storia. Vita e vocazione di don Francesco Marcoccio, direttore della Sede Centrale dei Salesiani.

17_Immagine1513852
Salesiani

Don Bosco nella TERRA COLORATA

20_Immagine1514954
Le case di Don Bosco

125 anni di presenza salesiana a BOVA MARINA

24_ApmenMult-6
Nuovi salesiani

DON ROMEO SALAMI. Nel cuore dell’Africa salesiana

28_IMG_20231123_120153
Ritratto di una salesiana

L’angelo dei LEBBROSI

32_vincenzo2
FMA

Mi chiamo VINCENZO

I verbi dell’educazione 3 – Parlare
Come Don Bosco

I verbi dell'educazione 3 - Parlare

36_Shutterstock_2377602763
La linea d’ombra

Persi nell’Infosfera

38_Immagine1517011
La storia sconosciuta di Don Bosco

Che fatica diventare PRETE!

40_PioIX
I nostri santi

Il Santo del mese - Il Beato Pio IX

40_Immagine13758
I nostri libri

I nostri libri

41_Rosin
Il loro ricordo è benedizione

Don Mario Rosin

42_RELAX febbraio 2024 Schema
Il crucipuzzle

Scoprendo Don Bosco

43_Le mele copia
La buonanotte

Le MELE